Polo scolastico unico, c’è chi dice "no": "Se si tolgono i bambini dai paesi, resta la solitudine" - La presa di posizione del Movimento per la difesa delle zone interne
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Polo scolastico unico, c’è chi dice "no": "Se si tolgono i bambini dai paesi, resta la solitudine"

La presa di posizione del Movimento per la difesa delle zone interne

Il Movimento per la difesa delle zone interne scettico sul progetto di un unico polo scolastico per sei comuni. Domenicangelo Litterio, rappresentante del movimento, presente due giorni fa alla manifestazione sul viadotto Sente [LEGGI], ha espresso le proprie perplessità sulla chiusura delle scuole nei centri abitati aderenti al polo: "Se togli i bambini dentro un comune di 800-1.000 abitanti, che ci resta? La solitudine".

Litterio, conosce bene le piccole realtà del territorio essendo stato dirigente scolastico per tanti anni (tra i vari istituti diretti quello di Gissi). Il progetto del polo scolastico unico (redatto dalla Strategia delle aree interne) prevede una struttura da 4 milioni e mezzo in territorio di Celenza sul Trigno in località "Canchiata". Una volta realizzato, ospiterà gli alunni di Celenza sul Trigno, Carunchio, San Giovanni Lipioni, Torrebruna, Palmoli e Tufillo: paesi, questi, dove le scuole verranno chiuse.

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi