Franco Corleone alla Casa Lavoro: "C’è chi subisce un ergastolo bianco. Serve profonda riforma" - Il Garante dei detenuti della Toscana in visita a Torre Sinello
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 19/09/2019

Franco Corleone alla Casa Lavoro: "C’è chi subisce un ergastolo bianco. Serve profonda riforma"

Il Garante dei detenuti della Toscana in visita a Torre Sinello

Franco Corleone, Garante dei detenuti della Toscana e già sottosegretario alla Giustizia, ha visitato la Casa di Lavoro di Vasto con due ricercatrici dell'università di Firenze impegnate in una indagine sulle misure di sicurezza in Italia. La struttura vastese riveste particolare interesse poichè è la più grande del Paese e qui sono ben evidenziate una serie di criticità rilevate dallo stesso Corleone.

La visita, coordinata dal comandante della polizia penitenziaria Nicola Pellicciaro e dal funzionario giuridico pedagogico Lucio Di Blasio, è stata guidata dalla direttrice della Casa Lavoro, Giuseppina Ruggero. Della delegazione hanno fatto parte anche il garante dei detenuti d'Abruzzo, Gianmarco Ciferni, e i consiglieri regionali Pietro Smargiassi, Manuele Marcovecchio e Sabrina Bocchino.

Nel corso della visita, Corleone ha parlato con molti degli internati, ascoltando le loro testimonianze e raccogliendo le loro segnalazioni su una condizione di vita alquanto difficile, come ha spiegato nell'intervista. 

"Le difficoltà sono tante, specie per il personale in servizio che opera in inferiorità numerica rispetto a quanto necessario - ha commentato Pietro Smargiassi al termine della visita-. Tanto lavoro deve essere ancora svolto, ma qualche nota positiva c’è, come per esempio la disponibilità della sartoria, per anni in attesa delle autorizzazioni Ministeriali, oggi perfettamente funzionante. Resta il dubbio generale su questa misura di sicurezza della Casa lavoro, come mezzo per il recupero di tanti uomini che, dopo aver pagato la loro pena, restano in una condizione di Ergastolo Bianco (così definito), che non prevede, di fatto, una fine pena.

Perché le condizioni di riscatto sono limitate e spesso possono diventare occasione per reiterare un reato facendo scattare una nuova proroga alla misura cautelare. In pratica da lì non si esce. Si dovrebbe poi ragionare sulle misure a garanzia del personale (educatori, personale amministrativo, guardie) che opera in una condizione di rischio inaccettabile. Sono uomini e donne di Stato e come tali vanno rispettati e tutelati". Una situazione di difficoltà sottolineata anche la scorsa settimana in occasione della festa della polizia penitenziaria [LEGGI].

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Franco Corleone alla Casa Lavoro di Vasto

L'intervista a Franco Corleone, garante dei detenuti in Toscana - A cura di Giuseppe Ritucci



 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi