Un’ora e venti per andare a scuola. Chiara: "Ci hanno abbandonato, non ho più parole" - Tempi di percorrenza lievitati a causa del ponte chiuso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Un’ora e venti per andare a scuola. Chiara: "Ci hanno abbandonato, non ho più parole"

Tempi di percorrenza lievitati a causa del ponte chiuso

Gli studenti sul ponte. Alle spalle, Castiglione Messer MarinoC'erano anche gli studenti di Castiglione Messer Marino che frequentano gli istituti superiori di Agnone stamattina alla manifestazione promossa dall'Eco on line per denunciare l'anno di immobilismo intorno al ponte "Sente" chiuso dal 18 settembre 2018 [LEGGI].

Insieme ai compaesani hanno attraversato il viadotto chiuso a piedi. "Siamo stufi di essere presi in giro", "Non siamo qui per farci deridere", "Siamo noi a pagare il vostro menefreghismo" erano alcuni degli striscioni portati dai giovani.

Comprensibile lo scoramento. Da un anno il tempo per raggiungere la cittadina molisana è lievitato da 20 minuti a un'ora e venti: partenza anticipata alle 6.45 e autobus che deve raggiungere Schiavi d'Abruzzo, scendere sulla fondovalle Trigno per poi uscire allo svincolo di Agnone e raggiungere la scuola.
L'alternativa dell'ex Statale 86 "Istonia" – risistemata un minimo da poco – non è percorrebile dagli autobus, così, ogni mattina gli studenti di Castiglione sono costretti a un lungo giro panoramico di cui farebbero volentieri a meno.

Di seguito la testimonianza di una studentessa di Castiglione Messer Marino

Guarda il video

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi