Time Out - Quale ripresa per il Vastese CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

I cittadini di Alto Vastese e Alto Molise depositano lumini funebri per il ponte chiuso da un anno

Stamattina la manifestazione promossa da "L’eco on line"

Cittadini, comitati e amministratori si sono ritrovati stamattina sul lato molisano del ponte "Sente-Longo" (in territorio di Belmonte) per portare un lumino funebre al capezzale dell'infrastruttura chiusa da un anno esatto. Il 18 settembre 2018 furono apposti divieti e transenne a causa delle condizioni di insicurezza del viadotto, il quinto più alto d'Italia. Tra i problemi principali riscontrati dopo il crollo del "Morandi" di Genova c'è la rotazione del terzo pilone a causa di una frana.

365 giorni dopo, il ponte non ha subito nessun intervento nonostante gli annunci lo stanziamento di 2 milioni di euro nel decreto "Genova". Una riapertura a breve appare sempre più un miraggio.

Alla manifestazione promossa dai colleghi giornalisti dell'Eco on line, Maurizio D'Ottavio e Francesco Bottone, hanno partecipato poco meno di 100 persone. Tra queste anche i cittadini di Castiglione Messer Marino arrivati attraversando a piedi il ponte che più di tutti accusano il problema dovendo allungare i tempi per raggiungere scuole (presenti anche gli studenti, LEGGI), ospedale e servizi vari. 

Tra i rappresentanti istituzionali: il sindaco di Belmonte del Sannio, amministratori di Castiglione e Schiavi d'Abruzzo, il consigliere regionale d'opposizione della Regione Molise, Andrea Greco (M5S), e quello della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci (Pd).

Guarda il video Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi