Taglioli: "Cosa abbia provocato lo spiaggiamento dei capodogli resterà sempre un mistero" - 2014-2019: il quinto anniversario dello spiaggiamento
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 16/09/2019

Taglioli: "Cosa abbia provocato lo spiaggiamento dei capodogli resterà sempre un mistero"

2014-2019: il quinto anniversario dello spiaggiamento

Da sinistra: Emanuela Petroro (Nuova libreria), Stefano Taglioli e Franco Sacchetti (Gruppo Fratino Vasto)"La causa rimarrà per sempre un mistero, perché né la nifrite, né il morbillivirus erano virulenti a tal punto da dimostrare di essere la causa dello spiaggiamento". Lo ha detto Stefano Taglioli, responsabile del Gruppo Fratino di Vasto, in occasione del quinto anniversario dell'arenamento di sette capodogli sulla spiaggia di Punta Penna.

L'evento accaduto il 12 settembre 2014 sull'arenile più grande della Riserva di Punta Aderci è stato ricordato nello scorso fine settimana con alcune iniziative. Tra queste, la presentazione, sabato scorso in piazza Barbacani, del libro Il segreto della fontana blu, scritto da Kyung-Sik Choi per le edizioni Terre di Mezzo. Taglioli e Franco Sacchetti sono stati relatori dell'incontro pubblico voluto da Gruppo Fratino e Nuova libreria. Al termine della serata, è stato proiettato il video, girato dal Centrpo studi cetacei, dello spiaggiamento dei capodogli a Punta Penna.

"Quel giorno - ricorda Taglioli - si è verificata una congiunzione astrale: faceva ancora caldo, sulla spiaggia c'erano ancota tanti turisti e centinaia di cittadini hanno collaborato" al salvataggio delle quattro balene rimaste in vita, disincagliandole e spingendole verso il largo.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi