"Sotto Palazzo d’Avalos le case sgomberate prese di mira da ladri e vandali" - La testimonianza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 14/09/2019

"Sotto Palazzo d’Avalos le case sgomberate prese di mira da ladri e vandali"

La testimonianza

Vasto, via Porta Palazzo: alcune delle case sottostanti il muraglione dei giardini di Palazzo d'AvalosLadri e vandali in via Porta Palazzo. Dopo il filmato dei giorni scorsi sul degrado in cui versa la il costone orientale di Vasto nella parte sottostante Palazzo d'Avalos [guarda il VIDEO], A.B., residente in quell'area, scrive a Zonalocale per raccontare che "più volte ho fatto presente all'Ufficio Manutenzioni del Comune di Vasto il degrado e l'inciviltà in quella via, la necessità di eseguire la potatura e la pulizia sia lungo la strada principale, via Porta Palazzo, sia quella secondaria che porta ai campi di atletica" del Parco Muro delle Lame. "Per non parlare della messa in sicurezza del manto stradale di quest'ultima,  nel quale ci sono dei crateri... non buchi.... anche questi segnalati, ma ovviamente mai sistemati.

In questi ultimi mesi, "le case, sgomberate da novembre dello scorso anno" a causa del rischio cedimento di una porzione del muraglione dei Giardini d'Avalos, "sono state prese di mira da vandali-ladri, creando gravi danni all'interno e all'esterno delle
abitazioni. Ovviamente a nulla è servito denunciare l'accaduto". 

Fonte Nuova, la fontana costruita nel 1849, abbandonata e deturpata ormai da anni, "e alla sua relativa area verde vengono prese d'assalto dagli adolescenti che, ben nascosti, possono 'farsi del male' come più gradiscono senza essere visti".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi