Nuove pensiline, ascensori e migliore accessibilità: Vasto-San Salvo diventerà una "Easy Station" - Otto milioni per i lavori che dureranno un anno
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 13/09/2019

Nuove pensiline, ascensori e migliore accessibilità: Vasto-San Salvo diventerà una "Easy Station"

Otto milioni per i lavori che dureranno un anno

Sembrano esserci spiragli di luce all'orizzonte per il futuro della stazione ferroviaria Vasto-San Salvo. Lo scalo ferroviario, negli ultimi anni decadente e con poche fermate, in particolare quelle dei treni veloci e a lunga percorrenza - considerato il bacino territoriale di riferimento - sarà presto oggetto di lavori di ristrutturazione.

Come aveva spiegato nei giorni scorsi a Zonalocale il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluca Castaldi [LEGGI], Vasto-San Salvo diventerà una delle 620 Easy Station diffuse sul territorio nazionale secondo il piano di ammodernamento di RFI, gestore della rete ferroviaria. Il piano, in particolare, prevede il miglioramento dell'accessibilità con particolare attenzione alle persone a ridotta mobilità che, oggi, nella stazione Vasto-San Salvo si muovono con molte difficoltà.

L'investimento è di otto milioni di euro e prevede l'innalzamento e il prolungamento dei marciapiedi - per consentire una più comoda salita e discesa dai treni. Verranno anche ristrutturate e allungate le pensiline, che così copriranno tutto il tratto utilizzato dai passeggeri - e non solo la parte in prossimità delle scale. La novità è quella dell'installazione  - tanto attesa - degli ascensori che serviranno tutti i binari della stazione. Miglioramenti dovrebbero interessare anche il piazzale esterno della stazione.

Ci saranno lavori anche nel corpo centrale dell'edificio, dove il bar occuperà uno spazio più ampio, adiacente la sala d'attesa, per offrire più servizi. Uno di questi - già attivo da giorni - è il servizio biglietteria [LEGGI], ripristinato dopo la chiusura della biglietteria da parte di Trenitalia. Si sposterà anche l'ufficio della Polizia ferroviaria, che resterà come presidio di sicurezza dei viaggiatori.

I lavori dovrebbero partire entro la fine del 2019 e durare circa un anno. Con l'attesa per i lavori c'è l'auspicio - o meglio la speranza - da parte dei viaggiatori che Vasto-San Salvo possa tornare a rappresentare uno scalo di prioritaria importanza in grado di accogliere più fermate di treni veloci e a lunga percorrenza.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi