A Santa Maria del Sabato Santo l’ultimo saluto ad Armando Gaspari - Il 31enne è morto a seguito di un terribile incidente
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 03/09/2019

A Santa Maria del Sabato Santo l’ultimo saluto ad Armando Gaspari

Il 31enne è morto a seguito di un terribile incidente

Saranno celebrati giovedì 5 settembre, alle 10, nella chiesa di Santa Maria del Sabato Santo, i funerali di Armando Gaspari, lo chef morto ieri a seguito di un frontale con un camion mentre era alla guida della sua auto [LEGGI]. Il 31enne originario della Lombardia, da una decina di anni era residente a Vasto. In città ha lavorato nelle cucine di diversi locali, da un anno era il cuoco dell'Osteria dei Miracoli a Casalbordino.

Fatale lo scontro avvenuto ieri pomeriggio, mentre tornava a casa dopo il turno di lavoro, sulla sp152, subito dopo lo svincolo della ss16 in località Pagliarelli. L'impatto della sua Hyundai Kalos con un'autocisterna con rimorchio gli è costato la vita.

È grande il dolore dei genitori, papà Doriano e mamma Ida Margherita, della compagna Cristina e di tutti i suoi familiari che si trovano a dover fare i conti con l'improvvisa scomparsa di Armando. Ieri il corpo del 31enne era trasportato al San Pio da Pietrelcina di Vasto e il sostituto procuratore Gabriella De Lucia ha disposto la restituzione della salma senza che fosse necessaria l'autopsia. Nell'obitorio del San Pio è stata allestita la camera ardente dove familiari e amici possono rendere l'ultimo saluto al giovane. Dopo i funerali la salma sarà tumulata nel cimitero di Borrello.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi