"Auto sfrecciano vicino al marciapiede e falciano la siepe sfiorando i pedoni" - Turisti protestano: "Spartitraffico inutili, qui rischiamo la vita"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   L'angolo dei lettori 02/09/2019

"Auto sfrecciano vicino al marciapiede e falciano la siepe sfiorando i pedoni"

Turisti protestano: "Spartitraffico inutili, qui rischiamo la vita"

Vasto, statale 16: siepi falciate dalle auto, che passano ad alta velocità rasentando il marciapiedeLe auto sfrecciano a tale velocità, da potare la siepe che delimita il marciapiede. E ora i turisti hanno paura ad attraversare la statale 16.

Succede in contrada San Tommaso, nella zona meridionale della riviera di Vasto.

A inviare le foto a Zonalocale è Gianna Mattucci di Campobasso: "Questo è il risultato della velocità delle macchine che sfrecciano sulla statale. Ieri mattina è stato un miracolo, se un'auto non ha falciato delle persone. È passata talmente vicino al marciapiede, da recidere parte della siepe. Siamo terrorizzati. Lo spartitraffico non serve a nulla. Dobbiamo rimetterci la pelle dopo aver lavorato per decenni, moglie e marito, per poter comprare un appartamentino al mare? Molti automobilisti se ne fregano del fatto che qui c'è l'obbligo di rallentare. È ora di intervenire con soluzioni serie, che tutelino l'incolumità dei pedoni".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi