Pista ciclabile, effetto giungla: il percorso pedonale è invaso dalla vegetazione incolta - Incuria, cittadini valutano la presentazione di un esposto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 29/08/2019

Pista ciclabile, effetto giungla: il percorso pedonale è invaso dalla vegetazione incolta

Incuria, cittadini valutano la presentazione di un esposto

Vasto Marina, pista ciclabile: il percorso pedonale è invaso dalla vegetazioneNon basta costruire una pista pedonale di fianco alla ciclabile. Bisogna anche consentire l'effettivo transito dei pedoni. E lo si deve fare con la manutenzione: sfalciando, cioè, la vegetazione per evitare che invada i percorsi riservati ad amanti della bici o delle passeggiate. 

Ad agosto, nel mese più affollato dell'anno, la pista ciclopedonale di Vasto Marina si presenta così: in certi punti, è impraticabile perché occupata dal verde incolto. Le segnalazioni, per tutto il mese (l'ultima poprio ieri) si sono susseguite quasi ogni giorno. Ora qualche cittadino pensa anche di presentare un esposto alle autorità competenti per capire se si possano ravvisare mancanza di manutenzione del verde pubblico e incuria. 

Canneti ed erbacce che occupano il sentiero pedonale costruito pochi mesi fa, rami sporgenti ad altezza d'uomo, quindi pericolosi per gli occhi di ciclisti e pedoni, presenza di rami spinosi nella parte meridionale del tracciato, al confine con San Salvo: questi gli ingombri segnalati dagli utenti. Basterebbe una manutenzione periodica per evitare, almeno a primavera e in estate, l'effetto giungla. Come quello che danno i rami, penzolanti fino a terra, delle palme non potate da almeno un anno in viale Dalmazia.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi