Auto rubata nel parcheggio dell’ex stazione di Vasto Marina, la proprietaria: "Luogo pericoloso" - Da tempo si chiedono maggiori controlli e illuminazione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 26/08/2019

Auto rubata nel parcheggio dell’ex stazione di Vasto Marina, la proprietaria: "Luogo pericoloso"

Da tempo si chiedono maggiori controlli e illuminazione

L'ex stazioneScende al mare per una passeggiata serale e si ritrova senz'auto. È successo sabato 24 agosto; la vittima è una ragazza vastese alla quale ignoti hanno rubato la Fiat Punto bianca (serie 3 del 2007) lasciata nel parcheggio dell'ex stazione di Vasto Marina.

Il parcheggio da tempo è noto per la sua non sicurezza, con scarsa illuminazione e pochi controlli è il comodo nascondiglio usato già in passato dai malintenzionati (qui si nascosero anche i rapinatori del bar Ferrari nel novembre 2018 ad esempio).

La vittima del furto a zonalocale.it esprime il proprio sconforto sperando che chi di dovere intervenga per rendere più sicuro quel parcheggio: "Da giorni molti vastesi si lamentano per le condizioni pessime e pericolose di quel parcheggio. Provo molta rabbia per ciò che è avvenuto la notte scorsa e non è la prima volta che succede. Bisogna trovare una soluzione o almeno fare giustizia per chi come me era sceso alla marina per una passeggiata senza sapere che sarebbe tornato a casa a piedi. La macchina molto probabilmente non la ritroveranno, ma voglio far sentire la mia voce".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi