Incidente in corso Mazzini, 64enne morto dopo 10 giorni: 22 indagati - La Procura di Pescara ha fatto eseguire l’autopsia per chiarire le cause del decesso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 22/08/2019

Incidente in corso Mazzini, 64enne morto dopo 10 giorni: 22 indagati

La Procura di Pescara ha fatto eseguire l’autopsia per chiarire le cause del decesso

L'ospedale di PescaraVentidue indagati. La Procura di Pescara ha aperto un'inchiesta sulla morte di Vittorio Petragnano, il 64enne che ha perso la vita il 14 agosto, a distanza di dieci giorni dall'incidente, avvenuto a Vasto, in corso Mazzini, tra il suo scooter e una Nissan Micra.

"L'uomo era stato trasportato all'ospedale di Pescara, dove c'è un reparto attrezzato per la cura dei traumi che aveva subito", ricostruisce l'accaduto l'avvocato Pierpaolo Andreoni che, insieme ai suoi colleghi Giuliano Milia e Leda Arditelli, rappresenta i familiari della vittima. "Le sue condizioni inzialmente non apparivano gravi. Dopo una settimana dall'incidente, era stato operato. Poi il suo quadro clinico era improvvisamente peggiorato fino alla morte. Per capire le cause del decesso, il sostituto procuratore di Pescara, Andrea Di Giovanni, ha disposto l'autopsia, eseguita da un medico della Asl di Bari. Entro 90 giorni avremo i risultati".

Gli indagati sono 22: la conducente dell'auto e i 21 sanitari dell'ospedale di Pescara che hanno avuto in cura il 64enne. La donna che era al volante dell'auto è rappresentata dall'avvocato Rosario Di Giacomo: "La signora - dice il legale - è costernata e addolorata dalla morte dell'uomo. Attendiamo gli svilluppi delle indagini della Procura".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi