Lungomare sempre nel mirino dei teppisti: spaccate le vetrate - Nelle notti scorse l’ennesimo atto vandalico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 15/08/2019

Lungomare sempre nel mirino dei teppisti: spaccate le vetrate

Nelle notti scorse l’ennesimo atto vandalico

Vasto Marina, scalinata che collega lungomare Cordella e viale Dalmazia: vetrate distrutte dai vandali e rimosse nelle scorse scorse ore dal ComuneViene da chiedersi se convenga sostituire i vetri rotti, oppure lasciare solo la ringhiera metallica. Ad ogni raid, nuovi vetri. Ad ogni sostizione, un nuovo raid.

I vandali sono tornati a colpire nelle scorse notti a Vasto Marina. Nel mirino dei teppisti sono finite di nuovo le vetrate delle ringhiere di viale Dalmazia e della scalinata che collega la passeggiata rialzata a lungomare Cordella. Queste ultime, fatte a pezzi e, di conseguenza, pericolose, sono state dapprima delimitate con il nastro segnaletico biancorosso della polizia locale e, stamani, eliminate per evitare pericoli all'incolumità dei passanti.

È l'ennesima volta. Ormai si è perso il conto delle devastanti incursioni che, periodicamente, causano danni sulla riviera. Il Comune spende, mediamente, 150mila euro all'anno per riparazioni che sarebbero evitabili, se tutti si comportassero in modo civile. 

Ci si chiede se la videosorveglianza abbia registrato gli atti vandalici e possa essere utile a risalire ai responsabili.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi