Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 01/08/2019

Altri 28 posti di lavoro in meno: chiude la camiceria Rossi di San Salvo

Margini di guadagno insufficienti, si lavora fino al 9 agosto

Foto di repertorioCalo dei margini di guadagno. È questo uno dei principali motivi che – insieme a processi produttivi sempre meno sostenibili – hanno portato la direzione della camiceria Rossi srl di San Salvo a optare per la cessazione dell'attività il prossimo 9 agosto. A restare a piedi saranno 28 lavoratori in gran parte donne che hanno ricevuto la comunicazione dell'avvio della procedura di licenziamento collettivo.

La situazione della camiceria di via Sandro Pertini era precaria da tempo, "Già due anni fa scongiurammo la chiusura grazie agli ammortizzatori sociali, ma era evidente che non sarebbe potuta andare avanti per molto" dice Emilio Di Cola (Filctem Cgil) a zonalocale.it. I dipendenti continueranno a produrre fino al termine della prossima settimana per esaurire la merce già in magazzino.

Nel giro di qualche mese i posti di lavoro appesi a un filo nella sola San Salvo lievitano: ai 25 dipendenti della Sam srl [LEGGI] si aggiungono i 28 della Rossi. A questi vanno aggiunti i 55 esuberi della Pilkington che fortunatamente vedono uno spiraglio grazie alla possibilità di accedere a un altro anno di cassa integrazione [LEGGI].

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi