M5S: "Pontile, la variante ha fatto lievitare i costi e allungare i tempi" - Il caso
 
Vasto   Politica 27/07

M5S: "Pontile, la variante ha fatto lievitare i costi e allungare i tempi"

Il caso

Ancora chiuso il pontile di Vasto Marina. La foto si riferisce al primo giorno di lavori, nel mese di giugnoUna variante in corso d'opera ha allungato i tempi e fatto lievitare il costo dei lavori al pontile di Vasto Marina. Lo rivela il Movimento 5 Stelle.

"Il vergognoso ritardo accumulato nella riparazione del pontile ha fatto perdere la faccia all’amministrazione Menna che conserva però la cattiva abitudine delle varianti in corso d’opera. Le varianti, consentendo alle imprese appaltatrici il recupero totale o parziale delle cifre ribassate in fase asta, fanno nascere dubbi sull’effettiva correttezza e trasparenza del procedimento di aggiudicazione", attaccano i pentastellati vastesi in una nota.

"L’importo complessivo a base d’asta era di 70.000 euro, ribassato a 51.000 euro a seguito della gara, è stato ora rialzato", fanno notare i Cinque Stelle, "a 69.780 euro per effetto della variante. La Giunta comunale infatti, con delibera 209 del 09/07/2019, ha approvato la perizia di variante in cui si dice, con scarsa credibilità, che i lavori, consegnati all’impresa appaltatrice il 20/05/2019 sono stati sospesi in data 13/06/2019, quindi a pochi giorni dalla data prevista di fine lavori, in quanto sarebbe emersa 'la necessità di effettuare alcuni interventi prima dell’installazione della nuova pavimentazione, al fine di non danneggiarla in futuro'.E’ credibile che il Comune disponga di tecnici progettisti così poco competenti da non riuscire a prevedere le problematiche di una banale operazione di pavimentazione? E’ credibile che di tali difficoltà ci si sia resi conto soltanto dopo un mese di lavori? E di quali lavori si è trattato visto che il cantiere in pratica non è stato mai aperto? 

L’assessore Forte, esattamente un anno fa, per giustificare il ritardo della ripavimentazione ci raccontò in Consiglio comunale che si era cambiato il modo di intervenire decidendo di procedere con la messa in opera di travetti di acciaio trattato. Oggi quegli stessi travetti, che l’assessore ci aveva enfaticamente invitato ad 'ammirare sull’ultimo piano del parcheggio di via Foscolo' sembrano non più idonei.
A noi invece sembra non idoneo al ruolo lo stesso assessore Forte, che ha perso tempo e denaro prolungando di un altro anno la storia infinita del pontile e perdendo 70.000 euro per un progetto che, grazie alle sponsorizzazioni, doveva essere a costo zero.
Di fronte a questi risultati fallimentari e negativi per l’immagine e le casse del Comune, proponiamo al sindaco Menna una perizia di variante della delega ai lavori pubblici, che preveda il reclutamento di un professionista esterno al Consiglio comunale ed alle logiche esclusivamente spartitorie di questa maggioranza".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi