È morto a 89 anni don Stellerino, il parroco-editore che parlava il linguaggio degli umili - Sabato alle 10 le esequie nella "sua" chiesa di Sant’Antonio
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Personaggi 25/07/2019

È morto a 89 anni don Stellerino, il parroco-editore che parlava il linguaggio degli umili

Sabato alle 10 le esequie nella "sua" chiesa di Sant’Antonio

Don Stellerino D'Anniballe Se n’è andato in punta di piedi. Proprio come amava definire lo stile della sua tv, che da Vasto, “in punta di piedi”, entrava nelle case d’Abruzzo, Molise e Puglia e che il parroco-editore riuscì a mandare in onda anche via satellite.

È morto don Stellerino D’Anniballe. Il 10 novembre prossimo avrebbe compiuto 90 anni. Sabato, alle 10, l'ultimo saluto nella sua chiesa di Sant'Antonio da Padova dove, nel primo pomeriggio di oggi, verrà allestita la camera ardente.

E’ stato lo storico parroco di San Pietro ed editore dell’emittente televisiva che da quella parrocchia prendeva il nome: Tele radio San Pietro, nota a tutti come Trsp. Una tv che don Stellerino ha usato come mezzo di evangelizzazione e di informazione. Un’avventura, quella del parroco-editore, iniziata più di quattro decenni fa: nell’ormai lontano 1978, quando iniziavano le trasmissioni di Radio San Pietro alla quale, nel 1985, si sarebbe affiancata la televisione, gestita da don Stellerino in prima persona fino al 2016, prima di passare la mano a un gruppo molisano, che l’ha trasferita al di là del Trigno.

 

67 ANNI DI SACERDOZIO - Ordinato sacerdote nel 1952, don Stellerino è stato vice parroco della cattedrale di San Giuseppe al fianco di don Felice Piccirilli. Poi fu incaricato, alla fine degli anni Cinquanta, di costituire la parrocchia di San Giovanni Bosco; quindi fu nominato parroco di San Pietro nel 1961, alla morte di un altro amatissimo sacerdote, don Romeo Rucci, nella delicata fase successiva all’abbattimento della chiesa dopo la frana del 1956 e al conseguente, definitivo trasferimento nella vicina chiesa di Sant’Antonio da Padova, da cui derivò la nuova denominazione di parrocchia di San Pietro in Sant’Antonio, in cui ogni anno, a gennaio, si poteva beneficiare dell'indulgenza plenaria.

Innumerevoli le sue iniziative, dai pellegrinaggi all’accoglienza di tante reliquie, dalla tradizionale Veglia Mariana, che si svolgeva ogni anno ad agosto nell’Arena comunale alle Grazie, fino al Giubileo della Misericordia. Fu il primo ad aprire un asilo all'Incoronata, nella zona nord di Vasto.

Anche negli anni della senilità e dei crescenti acciacchi, da cui più volte si è ripreso, ha continuato a indicare la strada ai fedeli, fino a quando ne ha avuto le forze. Da oggi c’è un vuoto nella chiesa di Sant’Antonio.

Guarda il video

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - È morto don Stellerino, il parroco-editore

Servizio di Michele D'Annunzio - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina



 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi