Operazione Street predators, 4 indagati respingono le accuse, 2 non parlano - Domani gli interrogatori delle due persone con obbligo di dimora
 
Vasto   Cronaca 18/07

Operazione Street predators, 4 indagati respingono le accuse, 2 non parlano

Domani gli interrogatori delle due persone con obbligo di dimora

Operazione Street predators: la conferenza stampa del maggiore Consales e del tenente D'AmbrosioRespingono le accuse quattro degli otto indagati dell'operazione Street predators. Primi interrogatori di garanzia per le persone coinvolte, otto in tutto, nell'inchiesta con cui i carabinieri di Vasto, agli ordini del maggiore Amedeo Consales, ritengono di aver sgominato un'associazione a delinquere finalizzata a commettere i reati di furto aggravato, indebito utilizzo di carte di pagamento e ricettazione.

Sono assistiti dagli avvocati Alessandro Orlando, Raffaele Giacomucci, Massimiliano Baccalà, Isabella Mugoni, tutti e tre di Vasto, Giancarlo D'Angelo di Pescara e Pietro Giuseppe Sciarretta del foro di Larino. Negli interrogatori di ieri, due indagati, P.Z. e M.S., si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Altri quattro - B.F., B.R., B.V. e T.I.L. - hanno risposto alle domande del gip del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia. "La titolare del bar di Vasto Marina - racconta l'avvocato Orlando - ha chiarito la sua posizione e sostenuto di non essere a conoscenza del fatto che i bancomat risultassero rubati. Si è solo limitata a riscuotere, visto che stare alla cassa rientra tra le sue mansioni. Io e il collega Sciarretta abbiamo già presentato istanza al Tribunale del Riesame dell'Aquila. L'udienza è fissata per il 25 luglio".

Anche Baccalà, legale di B.V., sta predisponendo la documentazione da presentare aigiudici del capoluogo: "La depositerò domani".

Domattina toccherà ai due indagati con obbligo di dimora, Z.G. e C.G., comparire dinanzi al giudice per le indagini preliminari.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi