Acqua a singhiozzo, Smargiassi: "C’è bisogno di un piano di ammodernamento" - Il consigliere pensa a un tavolo regionale sulla Sasi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 15/07/2019

Acqua a singhiozzo, Smargiassi: "C’è bisogno di un piano di ammodernamento"

Il consigliere pensa a un tavolo regionale sulla Sasi

La rottura di ieriDopo i 18 comuni rimasti a secco ieri per una rottura alla conduttura principale della Sasi, il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Pietro Smargiassi, chiede che l’ente gestore della rete idrica si attivi subito per ripristinare il servizio e annuncia la richiesta di un tavolo regionale.

“Oggi parliamo di una frana che avrebbe danneggiato la conduttura, ma il problema è che la rete gestita da SASI è sostanzialmente vecchia e le interruzioni nella fornitura di acqua in queste zone sono all’ordine del giorno. Gli operatori turistici, che stanno cercando di salvare la stagione estiva dopo i numerosi danni arrecati dal maltempo, non possono essere costretti anche a dover fronteggiare i disservizi causati dalle chiusure del servizio idrico. Oltre a loro ci sono intere comunità del Vastese stanche delle croniche chiusure del servizio idrico disposte ciclicamente da Sasi per porre in atto interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria”.

"Non è possibile – continua Smargiassi – limitarsi solo a interventi spot per le manutenzioni da parte di Sasi. Non mi stancherò di ripetere, come già fatto in passato, che è necessario mettere in atto un piano di ammodernamento delle condutture proprio per evitare il costante ripetersi dei disservizi causati all’utente. SASI deve investire parte dei propri ricavi sull’ammodernamento della rete idrica e non solo sulla manutenzione".

"Su questo tema chiederò al presidente Marsilio di istituire un tavolo di confronto. Se è vero che Sasi non è sotto il controllo regionale, è altrettanto vero che i vertici aziendali sono stati più volte auditi in vigilanza, senza contare che i settori che risentono dei disservizi dovuti alle interruzioni di acqua, come ad esempio sociale, agricoltura e turismo, interessano direttamente la giunta regionale”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi