Monsignor Forte nominato Consultore della Commissione per i rapporti religiosi con l’Ebraismo - Le nomine di Papa Francesco
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 02/07/2019

Monsignor Forte nominato Consultore della Commissione per i rapporti religiosi con l’Ebraismo

Le nomine di Papa Francesco

Bruno Forte al Sinodo dei VescoviImportante incarico per monsignor Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, nominato da Papa Francesco Consultore della Commissione per i Rapporti Religiosi con l'Ebraismo.

Con lui il Papa ha nominato Edward Bernard Scharfenberger, Vescovo di Albany (Stati Uniti d'America); padre Louis-Marie Coudray, O.S.B. Oliv., Direttore dell'Ufficio delle Relazioni con l'Ebraismo della Conferenza Episcopale Francese (Francia), padre Etienne Emmanuel Veto, C.C.N. (Francia), Direttore del Centro Cardinal Bea per gli Studi Giudaici presso la Pontificia Università Gregorianala suor Maria Neubrand, M.C., Docente di Esegesi del Nuovo Testamento presso la Facoltà di Teologia dell'Università di Paderborn (Rep. Federale di Germania);la professoressa Verena Lenzen (Rep. Federale di Germania), Direttrice dell'Istituto per le Ricerche Ebraico-Cristiane dell'Università svizzera di Lucerna.

Monsignor Forte, già presidente della Commissione per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Conferenza episcopale italiana ha affrontato a lungo il tema del dialogo tra cattolici ed ebrei, approfondendo studi e legami con il mondo ebraico. Tanti anche i suoi viaggi a Gerusalemme su cui, quest'anno, ha pubblicato un libro: "Gerusalemme. Città della pace, crocevia di conflitti".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi