"In 13 anni il centrosinistra non ha fatto nulla per risolvere il problema della carenza idrica" - La polemica di D’Alessandro (Lega)
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 27/06/2019

"In 13 anni il centrosinistra non ha fatto nulla per risolvere il problema della carenza idrica"

La polemica di D’Alessandro (Lega)

Davide D'Alessandro (Lega)In 13 anni, il centrosinistra non ha fatto nulla per risolvere il problema della carenza idrica a Vasto. 

Lo dice Davide D'Alessandro, consigliere comunale della Lega: "Chi devono ringraziare, i cittadini vastesi, per la mancanza di acqua? Lapenna, Menna, la Sasi o tutti e tre? Ce lo chiediamo perché Menna lamenta sempre di aver ereditato una situazione disastrosa, ma dimentica di precisare che, prima di lui, Lapenna ha retto il Comune per dieci anni e, negli ultimi cinque, egli è stato anche capogruppo del Pd in Consiglio. Omette di precisare che la Sasi è guidata da Gianfranco Basterebbe, molto attivo durante la sua ultima campagna elettorale. Insomma, gira che ti rigira, questo disastro di carenza idrica è un disastro tutto da addebitare alla gestione sinistra e sciagurata di un bene prezioso destinato a perdersi per mille rivoli, come i soldi pubblici gestiti dall'amministrazione Menna. È stato il sindaco, anni fa, a denunciare la pesante dispersione idrica nella nostra città. Nel frattempo, ha dormito? Ha chiesto a Basterebbe di agire e di risolvere i problemi? I cittadini vastesi non meritano di retrocedere al cospetto di altre località".

"Dopo gli otto decimi di emodinamica - conclude D'Alessandro - dobbiamo sopportare anche i due decimi di acqua?".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi