Non ci fu abuso nella concessione edilizia, assolti vice sindaco e gli altri due imputati - La sentenza
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Scerni   Cronaca 26/06/2019

Non ci fu abuso nella concessione edilizia, assolti vice sindaco e gli altri due imputati

La sentenza

Vasto, il palazzo di giustiziaNon c'è stato abuso d'ufficio. Non luogo a procedere nei confronti del vice sindaco di Scerni, Antonello Marcucci e di altri due indagati per la vicenda relativa a una concessione edilizia. Lo ha deciso il gup del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia, "perché il fatto non sussiste", comunica l'avvocato Gianni Menna, che ha composto il collegio difensivo insieme ai suoi colleghi Vittorio Emanuele Russo e Fiorenzo Cieri.

Scagionati, dunque, con formula piena "C.P., C.D. e il vice sindaco, nonché dirigente del Servizio Urbanistica del Comune di Scerni, avvocato Marcucci C.P. e C.D. erano stati accusati del grave reato di abuso d’uffico in concorso e previo accordo con il vice sindaco al fine di ottenere, nell’anno 2017, un permesso a costruire in sanatoria in danno di altri privati cittadini ed a proprio vantaggio patrimoniale, poiché il loro manufatto abitativo si riteneva essere gravato da ordinanza di demolizione e rimessione in pristino stato". 

Gli avvocati Menna, Russo e Cieri (quest'ultimo difensore del vice sindaco) "hanno dimostrato l’assoluta estraneità dei propri assistiti ai fatti contestati, dimostrando, anche mediante la precisa esibizione di atti e documenti, che sia l’operato del pubblico amministratore che le condotte dei cittadini imputati erano, e sono, assolutamente immuni da censure, comunque poste in essere a tutela della imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione interessata. Non é mai stata intenzione, né dei privati cittadini C.D. e C.P. porre in essere condotte abusive ed illegali, né del pubblico amministratore coinvolto favorirli a tale scopo. Nonostante la necessità di un processo, si esprime massima soddisfazione per l’operato della magistratura vastese, inquirente e requirente, in occasione della descritta vicenda, magistratura - commenta Menna - sempre attenta e puntuale nel recipire, con esattezza, le istanze dei cittadini, nel segno del buongoverno dell’amministrazione della giustizia nel territorio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi