La guardia costiera sequestra una tonnellata di cozze e la dona in beneficenza - Mitili senza documentazione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 24/06/2019

La guardia costiera sequestra una tonnellata di cozze e la dona in beneficenza

Mitili senza documentazione

Le cozze sequestrateSequestro considerevole della guardia costiera nei giorni scorsi a Vasto. I militari dell'ufficio circondariale marittimo hanno infatti recuperato una tonnellata di cozze senza documentazione necessaria su tracciabilità ecc. scoperta a bordo di un furgone sulla Statale 16. 

I militari sono stati insospettiti dalla presenza di alcuni furgoni frigoriferi in sosta sulla Statale Adriatica, in territorio di Vasto. "All’interno di uno di questi – spiegano – venivano rinvenuti ben 100 sacchi di mitili, per un quantitativo di 1.000 Kg, privo di documentazione di trasporto, pertanto di dubbia provenienza e commercializzazione. Il conducente del veicolo veniva, pertanto, scortato fino agli uffici della guardia costiera dove veniva sanzionato, ai sensi della normativa vigente in materia di pescacon un verbale amministrativo di importo fino a € 4.500 mentre i mitili venivano sequestrati e confiscati". 

"A seguito degli accertamenti sanitari effettuati dal veterinario di turno del servizio sanitario locale, che riteneva quindi commestibile il grosso quantitativo di prodotto ittico, i mitili venivano donati in beneficenza a ben 5 istituti caritatevoli per essere messo a disposizione delle proprie mense. La guardia costiera continuerà nella sua attività di monitoraggio nel settore della pesca sia professionale che sportiva anche nel periodo estivo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi