Ritrovato a San Salvo Marina il 64enne scomparso dalla provincia di Piacenza - Si erano perse le sue tracce il 31 maggio scorso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Cronaca 07/06/2019

Ritrovato a San Salvo Marina il 64enne scomparso dalla provincia di Piacenza

Si erano perse le sue tracce il 31 maggio scorso

Si era allontanato da casa senza darne notizia il 31 maggio scorso e oggi è stato ritrovato a San Salvo dai carabinieri. I militari della locale stazione insieme a quelli di Vasto hanno rintracciato Gianpaolo Bertuzzi, classe '55, scomparso dalla provincia di Piacenza qualche giorno fa.

Si è trattato di un allontanamento volontario come spiega il tenente Luca D'Ambrosio: "La scomparsa dell'uomo aveva fatto attivare un consistente dispositivo di ricerche, era stata ritrovata l’auto privata nella zona portuale di Ancona il 5 giugno scorso. Da qui sembra che l’uomo abbia abbandonato l’auto, per poi raggiungere il Vastese a bordo di un camper di sua proprietà. L’attività tecnica e informativa operata dai carabinieri della compagnia di Bobbio, nel piacentino, da dove il Bertuzzi si era allontanato, in osmosi con i carabinieri della compagnia di Vasto, permettevano di individuare l’uomo nella zona della marina di San Salvo, ipotesi avvalorata in un secondo momento, grazie alla segnalazione di un cittadino che aveva riconosciuto l’uomo passare da quelle parti. [ant_dx]L’uomo, ritrovato dai militari operanti in apparente buono stato, veniva accompagnato in caserma per le formalità di rito, permettendo così di darne notizia ai familiari e disporre l’interruzione delle ricerche". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi