Minaccia figli con martello e coltello, 45enne allontanato dalla casa familiare - Intervento della polizia
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 05/06/2019

Minaccia figli con martello e coltello, 45enne allontanato dalla casa familiare

Intervento della polizia

Commissariato di VastoUn uomo di 45 anni è stato allontanato dalla casa familiare perché accusato di maltrattamenti in famiglia.

Così ricostruisce l'accaduto il commissario Rosetta Di Santo, vice dirigente del Commissariato di Vasto: "Nella giornata di ieri personale del Settore Anticrimine del Commissariato di Vasto ha eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare nei confronti di un uomo di 45 anni, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia.
Quattro giorni prima una donna telefonava sulla linea 113 chiedendo aiuto poiché il marito, dopo un’accesa discussione, in preda all’ira stava distruggendo l’abitazione", scrive Di Santo in un comunicato.

"Gli operatori della Squadra Volante, intervenuti immediatamente sul posto, trovavano i familiari all’esterno dell’abitazione, i quali sconvolti asserivano che l’uomo poco prima li aveva minacciati con un grosso coltello da cucina.
L’uomo, in preda ai fumi dell’alcool, poco prima aveva inveito con forza contro i familiari e schiaffeggiato sua moglie scatenando la reazione del figlio adolescente, il quale era intervenuto in difesa della madre", riferisce l'ufficiale di pubblica sicurezza.

"A questo punto l’uomo, sentendosi aggredito aveva afferrato un coltello con il quale aveva minacciato il figlio.
La donna terrorizzata dal comportamento del marito, aveva allertato telefonicamente l’altra figlia, maggiorenne, che era momentaneamente fuori casa e poco dopo la polizia.
La ragazza aveva trovato i familiari fuori dall’abitazione e, con l’intenzione di calmare il padre, era entrata in casa.
L’uomo dapprima impugnava un martello e minacciava di vendicarsi, in particolare nei confronti del figlio, colpevole di averlo aggredito, quindi impugnando un grosso coltello da carne, afferrava la figlia per il collo e trascinandola al seguito minacciava di ferire il ragazzo.
I figli nonostante la paura di essere colpiti, riuscivano insieme a disarmare l’uomo facendo cadere il coltello in un lavandino della cucina e guadagnare la fuga dall’abitazione. Allora l’indagato usciva di casa impugnando un altro grosso coltello, ma veniva sorpreso dagli agenti di polizia intervenuti, i quali rinvenivano l’arma a terra, vicino l’autovettura dell’uomo.
Entrati in casa, sequestravano l’altro coltello utilizzato per minacciare i figli, rinvenuto dentro il lavandino.
Messe in sicurezza le vittime, a richiesta degli Agenti intervenuti, l’uomo si allontanava dalla dimora familiare.
La gravità dei fatti induceva ad immediate e compiute indagini ad opera del Settore Anticrimine che, in brevissimo tempo, permettevano di ricostruire un quadro di maltrattamenti in famiglia ad opera dell’indagato, solito abusare di bevande alcoliche.
I maltrattamenti - afferma il commissario Di Santo - consistiti in vessazioni fisiche e psicologiche erano reiterati da anni nei confronti della moglie e più di recente anche dei figli adolescenti e non erano mai stati prima denunciati dalla donna. I gravi indizi di colpevolezza in breve reperiti dagli investigatori e forniti all’autorità giudiziaria hanno permesso l’emissione del provvedimento cautelare dell’allontanamento dalla casa famigliare con divieto di avvicinamento ai propri cari ed ai luoghi da questi abitualmente frequentati, provvedimento che veniva subito posto in esecuzione dalla Polizia a tutela delle vittime".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi