Al concorso "Bacco e Minerva" premiati i vini dell’Agrario ’Ridolfi’ di Scerni - A Cividale del Friuli la 18ª edizione del concorso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Scerni   Attualità 29/05/2019

Al concorso "Bacco e Minerva" premiati i vini dell’Agrario ’Ridolfi’ di Scerni

A Cividale del Friuli la 18ª edizione del concorso

Anche quest'anno i vini prodotti dagli studenti del'istituto tecnico Agrario "Cosimo Ridolfi" di Scerni sono stati protagonisti del concorso nazionale Bacco e Minerva. Due i riconoscimenti ottenuti nella 18ª edizione del concorso enologico la cui cerimonia di premiazione si è svolta a Cividale del Friuli.

Le due giurie – una presieduta da un delegato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e l’altra composta dagli studenti del sesto anno delle scuole enologiche e coordinata dal vicepresidente di Assoenologi del Friuli Venezia Giulia – sono state concordi nel premiare i vini dell’istituto di Scerni. Il vino Abruzzo Doc Pecorino 2018 ha conquistato il gradino più alto nella categoria “Bianchi Doc e Docg” mentre una menzione speciale è stata assegnata al Cerasuolo d’Abruzzo.

"Un successo importante – afferma il dirigente scolastico prof. Gaetano Luigi Fuiano – che si aggiunge ai numerosi riconoscimenti conquistati nei quasi 150 anni di storia dell’Istituto. Un’affermazione nata dalla collaborazione dei docenti, degli studenti, del personale che con la passione e l’impegno, quotidianamente, hanno reso la cantina didattica un’eccellenza nel panorama nazionale".

La cantina didattica dell'istituto scernese ormai da trent'anni rappresenta un punto fermo nel percorso formativo della scuola. "L'azienda agricola - spiegano i responsabili del settore enologico della scuola - conta ben 17 differenti vitigni testati nei vigneti dell’Istituto e monitorati per mezzo del nuovissimo laboratorio droni al fine di valutare il grado di adattabilità e la resilienza alle mutate condizioni climatiche. Le micro-vinificazioni comparative consentono di chiudere la filiera e di valutare la risposta enologica dei singoli vitigni che, nel caso del Pecorino, si è imposto a Cividale sul gradino più alto del podio".  

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi