I diplomati dell’anno scolastico 1968/69 del "Palizzi" si ritrovano 50 anni dopo - Ieri l’incontro
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Curiosità 19/05/2019

I diplomati dell’anno scolastico 1968/69 del "Palizzi" si ritrovano 50 anni dopo

Ieri l’incontro

Ritrovarsi è bello. Ritrovarsi periodicamente è bellissimo. Ritrovarsi per un viaggio della memoria a quegli anni della giovinezza da studenti all’Istituto Tecnico Statale Commerciale Mercantile e per Geometri “Filippo Palizzi” di Vasto fino al conseguimento del diploma nell’anno scolastico 1968/69 è emozionante.
Tappa fondamentale che comporta riflessioni, ripensamenti, progetti, speranze; ognuno ha preso la sua strada, ognuno ha conseguito i suoi successi: famiglia, professione, politica, impegni sociali. Tempi duri, ma si guardava al futuro con fiducia e si credeva in se stessi. 

Una classe affiatata che ha organizzato il primo ritrovo al 25° anno, 8 maggio 1994, al ristorante “La Cascina”. Fu bello, emozionante; commozione per tutti, famigliari compresi. Ognuno aveva da raccontare. E poi il 40° in quel maggio del 2009. Una gara a ricordare aneddoti divertenti su compagni, ma soprattutto sui professori. Ti ricordi quella nota? E quella volta che ero impreparato? E tu che eri un secchione? Piacevoli le novità che ognuno ha potuto raccontare e quindi le congratulazioni reciproche. Gli anni passano e qualcuno comincia ad avvertire qualche peso. Ma l’amicizia è solida, la voglia di incontrarsi prorompe, il piacere di rivedersi impera. 

Ecco il ritrovo odierno: 18 maggio 2019. Sono cinquanta anni. Santa messa presso la chiesa di Santa Maria Incoronata di Vasto celebrata da padre Paolo Petrucci; doveroso momento di raccoglimento e di ringraziamento.  

Tutti pensionati, tutti si sono realizzati in professione e famiglia, tutti vivono per figli e nipoti. Si registra qualche assenza, giustificata, ma alcuni non ci sono più; a loro il pensiero affettuoso: Roberto Di Fonzo, Alfonso Colantonio, Eugenio Cardarella, Gaetano Masciale. Aleggia la loro presenza perché lo spirito di corpo permane. Ecco il bello, potente l’emozione: con l’età che avanza i ricordi quanto più lontani tanto più vengono evocati con indeterminatezza e nello stesso tempo con forza per ricordare come si è saputo guardare avanti e progettare il futuro. 

Bene, ragazzi, alla prossima!

Rodrigo Cieri

 

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi