A Vasto arriva Aretusa: due giorni di visite a bordo della nave idro-oceanografica - Venerdì l’approdo della nave della Marina Militare
CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 09/05

A Vasto arriva Aretusa: due giorni di visite a bordo della nave idro-oceanografica

Venerdì l’approdo della nave della Marina Militare

Venerdì 10 maggio nave Aretusa attraccherà a Vasto, nel porto di Punta Penna. La nave idro-oceanografica sarà presente in città per impreziosire i giorni della festa della Madonna di Pennaluce [IL PROGRAMMA] e rinsaldare il legame tra Vasto e la Marina Militare Italiana. L'equipaggio agli ordini del tenente di vascello Lorenzo Colonna condurrà la nave in porto attorno alle 15.30, accolto dalla delegazione del gruppo Anmi di Vasto con il presidente Luca Di Donato e dal personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo agli ordini del tenente di vascello Lorenzo Bruni.

Nave Aretusa sarà ormeggiata alla banchina di riva e sarà aperta al pubblico nei giorni di sabato 11 e domenica 12. Sabato 11 maggio al mattino la visita sarà riservata alle scolaresche della città, nel pomeriggio, dalle 15 alle 18, ci sarà l'apertura al pubblico. Sarà possibile salire a bordo anche domenica 12 maggio dalle 15 alle 18. I visitatori potranno accedere al porto parcheggiano lungo viale Marinai d'Italia e seguendo le indicazioni del personale della Guardia Costiera che garantirà lo svolgimento in sicurezza delle visite. 

Dal 2002, quando è stata consegnata alla Marina Militare, nave Aretusa ha svolto, e continua a svolgere, attività molteplici nei due settori idrografico ed oceanografico con due obiettivi fondamentali: rendere sicura la navigazione attraverso l’aggiornamento della documentazione nautica ed accrescere il patrimonio scientifico del Paese per mezzo della collaborazione con Enti di ricerca nazionali ed internazionali.

Numerose, infatti, sono state le collaborazioni con il mondo scientifico, in particolare quelle con gli Enti di Ricerca civili, quali ad esempio ENEA (Centro Ricerche Ambiente Marino), C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche), I.N.G.V. (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), I.S.MAR. (Istituto di Scienze Marine) e MI.B.A.C.T. (Ministero dei Beni Culturali e del Turismo) e varie Università italiane.

Lunedì 13 maggio la nave lascerà il porto di Punta Penna per proseguire con la sua attività in mare.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi