Centri commerciali, Psi si schiera per il no: "Piano di risanamento per le attività del centro" - Le scelte - Il dibattito sul futuro del commercio
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 08/05

Centri commerciali, Psi si schiera per il no: "Piano di risanamento per le attività del centro"

Le scelte - Il dibattito sul futuro del commercio

Gabriella D'Angelo (Psi)Di cosa parliamo - Di fronte a numerose richieste di variante al Piano regolatore per consentire di costruire nuovi centri commerciali, il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ha spiegato, in un'intervista a Zonalocale [GUARDA], la posizione dell'amministrazione comunale di centrosinistra: no, per tutelare i piccoli commercianti.

Le dichiarazioni del primo cittadino hanno innescato un dibattito nell'opinione pubblica, attraverso i social, e anche nel mondo politico. Confedilizia, tramite il suo referente locale, Riccardo Alinovi, ha criticato lo stop imposto dal primo cittadino. Dall'opposizione è intervenuto il consigliere comunale della lista civica Il Nuovo Faro, Edmondo Laudazi, favorevole a nuovi insediamenti commerciali. Laudazi ha poi aggiunto: "Per i piccoli commercianti bisogna abbassare la pressione fiscale".

Confcommercio e consorzio Vasto in Centro, invece, sono d'accordo con Menna. Ora interviene il Partito socialista.

Luigi Rampa (Psi)VASTO - Un "piano di risanamento delle attività del centro storico". Lo propone il Partito socialista di Vasto. Il segreterio cittadino e la consigliera nazionale del Psi, Luigi Rampa e Gabriella D'Angelo, intervengono nel dibattito sul futuro del commercio a Vasto.

"La nostra proposta - spiega Rampa - consta di soluzionin concrete e attuabili, che dovranno essere oggetto di un regolamento comunale che preveda, oltre alla riduzione delle imposte comunali, anche la riduzione dei canoni di affitto ed incentivi, messi a bando, per quanti intendano avviare o riavviare un'attività in centro".

"Le piccole e medie imprese - sottolinea D'Angelo - vivono nella città, la caratterizzano, la rendono vitale e sicura e sono patrimonio da tutelare, unitamente ai lavoratori delle stesse attività, costretti, tra le altre cose, a pagare i parcheggi che, invece, dovrebbero essere gratuiti".

"A breve - annuncia una nota dei socialisti - chiederemo all'amministrazione di convocare le parti sociali coinvolte nela vicenda: commercianti, associazioni di categoria, proprietari degli immobili, ai quali sottoporremo la nostra idea, perché le piccole imprese tornino al centro delle politiche economiche".

 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi