Rapina alle Poste di Monteodorisio, l’accusa porterà in aula 13 testimoni - Il processo - Il 18 giugno l’incarico sulle intercettazioni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 07/05/2019

Rapina alle Poste di Monteodorisio, l’accusa porterà in aula 13 testimoni

Il processo - Il 18 giugno l’incarico sulle intercettazioni

L'ufficio postale di Monteodorisio dopo la rapina del 3 marzo 2017Tredici testimoni. Li porterà in aula la pubblica accusa del processo sulla rapina alle Poste di Monteodorisio.

Incardinato stamani il procedimento penale dinanzi al Tribunale di Vasto, composto dalla presidente, Stefania Izzi, e dai giudici a latere Silvia Lubrano e Prisca Picalarga.

LA RAPINA - Il raid nell'ufficio postale di via Monaco scattò pochi minuti dopo le 8 del 3 marzo 2017. Un cassiere fu minacciato da un uomo col volto coperto e una pistola in pugno al quale consegnò i soldi. In cassa c'erano le somme per il pagamento delle pensioni: il bottino della rapina fu di circa 65mila euro. Le indagini dei carabinieri portarono a individuare tre presunti respponsabili. Tre giovani di cui gli investigatori non rivelarono le generalità, perché gli indagati furono denunciati a piede libero.

IL PROCESSO - Il 12 febbraio, al termine dell'udienza preliminare, il gup del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia, ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pm, Gabriella De Lucia. Poste italiane spa si è costituita parte civile per chiedere il risarcimento del danno in caso di condanna degli imputati, accusati di rapina, ricettazione e riciclaggio e difesi dagli avvocati Raffaele Giacomucci, Francesco Bitritto, Guido Giangiacomo e Gabriele D'Ugo.

Oggi la prima udienza. L'accusa, rappresentata dal procuratore capo, Giampiero Di Florio, chiamerà 13 persone a testimoniare nell'udienza fiume del 16 luglio prossimo.

Gli interrogatori saranno preceduti, il 18 giugno, dalla nomina del consulente tecnico d'ufficio: il collegio giudicante conferirà l'incarico al perito che trascriverà le intercettazioni telefoniche.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi