Via Adriatica, i 4 luoghi abbandonati nello scrigno della storia di Vasto - Il caso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 28/04/2019

Via Adriatica, i 4 luoghi abbandonati nello scrigno della storia di Vasto

Il caso

Vasto, via Adriatica: la scalinata franataSe non fosse per le Terme Romane, che hanno una nuova copertura e vengono valorizzate dal Fai, via Adriatica sarebbe la strada dei ruderi abbandonati.

Sbarrata e invasa dalla vegetazione incolta la gradinata, parzialmente franata diversi anni fa, che conduceva al sottostante Parco Muro delle Lame. Chiusa con catena e lucchetto la passerella della zona archeologica sotto via Adriatica. Abbandonata fino a data da destinarsi l'arena comunale. Infine, l'ultima tegola: il crollo di una porzione del tetto della chiesa di Sant'Antonio da Padova.

Eppure, nel 2008, sembrava fosse iniziata una seconda vita per questo tratto della balconata orientale: quello fu l'anno della rinascita con nuovi lampioni, ringhiere, colonne e pavimentazione.

Da 11 anni, è area pedonale (con la sola eccezione di piazza del Popolo: Ztl con parcheggio per i residenti) l'incantevole terrazza naturale affacciata sul Golfo di Vasto che va dalla Loggia Amblingh alla stessa via Adriatica, passando per i Giardini napoletani di d'Avalos.

Molti dei gioielli di via Adriatica, però, sono abbandonati. L'unica area storica davvero fruibile è quella delle Terme dell'antica Histonium.

Basta, però, attraversare la strada per trovare la passeggiata archeologica appena al di sotto della balconata: lì, dove sono stati rinvenuti nel 2005 i resti di una porticus, la passerella non è mai stata aperta al pubblico. È chiusa col lucchetto. La staccionata di protezione è rimasta a metà. Lì vicino c'è la gradinata caduta in rovina, come, di fronte, la chiesa di Sant'Antonio, chiusa da gennaio, quando i vigili del fuoco hanno scoperto che una trave era lesionata. E poi è crollata dopo qualche settimana, portandosi dietro una parte del tetto. A due passi, l'arena comunale alle Grazie: chiusa, non è più a norma. Sta decadendo anno dopo anno quello che era stato il teatro all'aperto di tanti spettacoli in una città che non ha a disposizione molti spazi capienti per gli eventi importanti.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi