Branchi di cinghiali fanno razzia nelle campagne, associazioni chiedono un incontro a Marsilio - Il VIDEO - Ungulati escono di notte da una rimessa agricola a Punta Aderci
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 24/04/2019

Branchi di cinghiali fanno razzia nelle campagne, associazioni chiedono un incontro a Marsilio

Il VIDEO - Ungulati escono di notte da una rimessa agricola a Punta Aderci

DANNI INGENTI. Vasto: Michele Bosco in una campagna devastata dai cinghiali nell'estate 2018Branchi di cinghiali tornano a fare razzia a Vasto, nelle campagne di Punta Aderci. I comitati di agricoltori, automobilisti e residenti della zona nord della città tornano alla carica. Il fronte di coloro che chiedono l'abbattimento per ridurre il numero degli ungulati si è allargato ormai da mesi anche al Sangro.

Hanno chiesto un incontro al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e all'assessore all'Agricoltura, Emanuele Imprudente, le associazioni Terre di Punta Aderci e Avas-Daniela Martorella (associazione vittime animali selvatici) che, il 1° febbraio, 9 giorni prima delle elezioni regionali, avevano incontrato Marsilio "per discutere le proposte volte al controllo e alla riduzione della popolazione degli ungulati e i relativi indennizzi dei danni prodotti da questi", si legge nella lettera indirizzata al governatore e all'assessore. I due sodalizi, che nei mesi scorsi hanno riunito a Vasto agricoltori e proprietari di terreni e case delle zone rurali, chiedono dal 2016 "una specifica e dedicata polizza assicurativa".

"È, infatti, più vivo che mai - sottolineano Avas e Terre di Punta Aderci - l'allarme nella popolazione per l'elevato numero di cinghiali che, a branchi, scorrazzano nelle campagne e nelle strade, urbane ed extraurbane, mettendo in pericolo l'incolumità e la sicurezza degli abitanti. Non sono secondari, inoltre, i danni che questi animali arrecano alle attività economiche, specialmente a quelle agricole e turistiche".

"È evidente come il nostro impegno vada oltre la denuncia", fa notare a Zonalocale Michele Bosco, presidente di Terre di Punta Aderci. "Dopo attenti studi e valutazioni approfondite, intendiamo offrire collaborazione per far sì che si prendano decisioni atte a sgravare, nel breve periodo, i cittadini dai danni causati dai cinghiali e a trovare una soluzione efficace al problema nel medio periodo".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi