Irregolarità documentali e carenze igieniche al centro d’accoglienza di Schiavi: una denuncia - I controlli in mattinata, mille euro di sanzioni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Irregolarità documentali e carenze igieniche al centro d’accoglienza di Schiavi: una denuncia

I controlli in mattinata, mille euro di sanzioni

Una denuncia nei confronti del responsabile della struttura, sanzioni per mille euro e prescrizioni alle quali ottemperare entro breve tempo. Sono gli esiti dei controlli approfonditi sul centro d'accoglienza di Schiavi d'Abruzzo "Monte Pizzuto" eseguiti dagli uomini dell'Arma.

12 i militari coordinati dal comandante della stazione di Atessa, Marco Ruffini, tra i quali anche le unità del Nas di Pescara e del nucleo dell'ispettorato del Lavoro.
"Sono attività che vengono fatte periodicamente per controllare che tutto sia a posto – dice a zonalocale.it Ruffini – e in questo caso abbiamo riscontrato diverse irregolarità".

Queste riguardano soprattutto la documentazione in materia di lavoro tra cui l'omessa elaborazione del documento di valutazione rischi. Dal punto di vista sanitario, sono state riscontrate diverse anomalie (ad esempio la scarsa pulizia dei locali) che sono state segnalate alla Asl.

Per le irregolarità riscontrate il responsabile della struttura è stato denunciato e sono state elevate sanzioni per mille euro. Infine, entro breve tempo la società che gestisce il centro che occupa circa 60 ospiti deve sanare anomalie e mancanze.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi