CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 08/04/2019

Via Verde, lavori a macchia di leopardo: a Casarza la ciclovia non c’è

Cantiere a Vasto Marina, ma non pochi chilometri più a nord

Vasto: l'ex ferrovia in località CasarzaQui è rimasta la massicciata della ferrovia dismessa. Le foto si riferiscono al litorale di Casarza, a Vasto.

Lavori a macchia di leopardo, per la Via Verde della Costa dei Trabocchi. La strada senza auto che consentirà di percorrere in bici e a piedi 42 chilometri di riviera teatina prende forma a tratti. Nella parte settentrionale della provincia già esiste il percorso simbolo del turismo ambientale che unirà nove comuni in un'unica, nuova destinazione turistica abruzzese. Nella zona meridionale, invece, comincia a sorgere in modo frammetario.

Se una decina di giorni fa è stata transennata tutta l'area antistante l'ex stazione ferroviaria di Vasto Marina e, a una cinquantina di metri di distanza, davanti alla sottostazione elettrica dismessa, sono stati realizzati i cordoli che delimiteranno la pista ciclabile e il percordo pedonale [LEGGI], basta spostarsi qualche chilometro più a nord per vedere che, in realtà, a Vasto la ciclovia non è ancora arrivata.

Nei giorni scorsi, nel parlare dei problemi sorti sulla costa di Casalbordino e Torino di Sangro, il presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, ha dichiarato che "la realizzazione dell'opera in questi mesi ha avuto un'accelerazione importante, che ci permetterà di inaugurare tratti di ciclovia entro fine primvera [LEGGI].

Per vedere completata l'intera Via Verde bisognerà attendere ancora.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi