Menna sul sequestro della terza vasca: "Chiederemo i danni ai responsabili di questa vicenda" - "Eviteremo i rincari"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 03/04/2019

Menna sul sequestro della terza vasca: "Chiederemo i danni ai responsabili di questa vicenda"

"Eviteremo i rincari"

Francesco Menna"Chiederemo il risarcimento dei danni ai responsabili di questa vicenda". A dirlo è stato il sindaco di Vasto Francesco Menna in risposta all'interrogazione dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, Dina Carinci e Marco Gallo, sulla situazione post-sequestro della terza vasca del Civeta gestita dalla Cupello Ambiente. L'interrogazione dei pentastellati mirava a conoscere i provvedimenti studiati dall'amministrazione comunale per scongiurare un'emergenza rifiuti e il rincaro dei costi di conferimento.

Per quanto riguarda la prima, Menna ha ripercorso le fasi successive al sequestro disposto dalla magistratura nell'ambito dell'inchiesta del procuratore Giampiero Di Florio spiegando che attualmente i i rifiuti della città vengono conferiti in due impianti. L'organico è portato al Civeta, mentre l'indifferenziato viene trasportato alla discarica "Casoni" di Chieti gestita dalla Deco Group; situazione, questa, destinata a protrarsi fino alla fine dell'attività della magistratura.

Sui possibili rincari, invece, il primo cittadino ha annunciato: "Abbiamo predisposto da subito i provvedimenti per evitare che i rincari vadano a pesare sulle tasche dei cittadini. Tra questi un'azione di risarcimento danni nei confronti dei responsabili di questa vicenda".

L'affermazione di Menna è in linea con azioni simili previste da altri Comuni e con quanto dichiarato ieri dall'assessore all'Ambiente della Regione Abruzzo, Nicola Campitelli [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi