Lavori alla diga di Chiauci, chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone - Il 23 aprile l’udienza preliminare
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 19/03/2019

Lavori alla diga di Chiauci, chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Il 23 aprile l’udienza preliminare

La diga di Chiauci durante l'emergenza idrica dell'estate 2017Nove richieste di rinvio a giudizio per i lavori alla diga di Chiauci.

Le ha formulare il procuratore di Vasto, Giampiero Di Florio, al gup Italo Radoccia, che ha fissato per il 23 aprile l'udienza preliminare. 

Indagati gli ex commissari, Fabrizio Marchetti e Rodolfo Mastrangelo, il responsabile unico del procedimento, Michelangelo Magnacca, il direttore del Consorzio di Bonifica Sud, Nicolino Sciartilli, il commissario regionale della convenzione, Sandro Annibali, gli ingegneri Sante Di Giuseppe, Giovanni Sportelli e Gilda Buda e l'imprenditore Giuseppe Latte Bovio.

Le accuse, a vario titolo e in concorso, vanno dall'aver procurato un ingiusto vantaggio all'appropriazione indebita per l'indennità di rimborso e spese non dovute e all'abuso per lavori da decine di milioni di euro per terminare l'opera pubblica, iniziata nel 1985, che ricade in tre comuni della provincia di Isernia: Chiauci, Pescolanciano e Civitanova del Sannio.

Il 23 aprile, nell'aula gup del palazzo di giustizia di via Bachelet, l'udienza preliminare al termine dell'inchiesta condotta dalla Procura sui lavori di completamento dell'invaso sul Trigno, la cui piena capienza è attesa da decenni per risolvere la carenza idrica nel Basso Molise e, soprattutto, nel Vastese, dove d'estate la mancanza d'acqua crea forti disagi. 

Gli indagati sono difesi dagli avvocati Antonino Cerella, Angela Pennetta, Fiorenzo Cieri, Arnaldo Tascione e Pierpaolo Andreoni. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi