Pilkington, con quota 100 possibile riduzione degli esuberi - Cgil: "Opportunità di pensione su base volontaria per 65 lavoratori"
 

Pilkington, con quota 100 possibile riduzione degli esuberi

Cgil: "Opportunità di pensione su base volontaria per 65 lavoratori"

Lo stabilimento Pilkington di San SalvoQuota 100 può aiutare a ridurre gli esuberi alla Pilkington di San Salvo. Il dato è emerso dall'incontro di ieri tra l'azienda e i sindacati dei circa 1800 lavoratori della multinazionale nipponica del vetro per auto, la fabbrica più grande del Vastese. 

"L'azienda - racconta Emilio Di Cola, segretario provinciale della Filctem Cgil - ha analizzato con i rappresentanti sindacali la situazione del mercato dell'auto che, in base agli ultimi dati, ha fatto registrare un calo del 7% rispetto allo scorso anno, ma si spera possa risalire, nel giro di qualche mese, ai livelli del 2018. Poi siamo passati a parlare del piano industriale. Abbiamo chiesto quanto la proprietà abbia già deliberato di investire sul rilancio della produzione. La dirigenza ci ha risposto di aver dato il via libera ad investimenti per 30 dei 40 milioni previsti dal piano. Riguardo, invece, agli esuberi, è emersa la possibilità di ridurli attraverso le possibilità di pensionamento previste dalla cosiddetta quota 100, che consentirebbe a 65 persone di andare in pensione su base volontaria, fermo restando che il problema esuberi va affrontato prima di settembre, quando ci ritroveremo senza ammortizzatori sociali". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi