Un’opera di Giuseppe Colangelo nel complesso scultoreo "Le pietre per parlare" a Modena - Nel piazzale della stazione le opere che rappresentano il viaggio
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Un’opera di Giuseppe Colangelo nel complesso scultoreo "Le pietre per parlare" a Modena

Nel piazzale della stazione le opere che rappresentano il viaggio

Ci sarà anche un'opera di Giuseppe Colangelo nel complesso scultoreo "Le pietre per parlare" nel piazzale della stazione ferroviaria di Modena. Lo scultore di Castiglione Messer Marino è tra gli artisti scelti dal Comune di Fanano, che dona l'opera al Comue di Modena, per realizare le opere sul tema del viaggio sui bozzetti di Andrea Capucci. 

"Il viaggio - si legge nella presentazione del progetto - è un'esperienza che accomuna l'umanità intera, fin dalle sue origini. Nello spostarsi, ciascuno porta con sè la memoria di una vita passata, impressa sulla propria pelle come un tatuaggio. le valigie di pietra sono scrigni di ricordi preziosi, sono le radici che non si vogliono abbandonare quando ci si mette in viaggio per cambiare il proprio destino. In questa opera corale, le culture dei popoli si incontrano e dialogano tra loro, come in un mosaico che ricompone la nostra storia in relazione a quella degli altri e riconsegna una immagine più completa della nostra vita".

Alla realizzazione hanno partecipato Marcela Barros, Arturo Boldrini, Matteo Boldrini, Angelo Carbone, Dario Carmentano, Giusepppe Colangelo, Michele D'Ambrosio, Franco Di Pede, Mohcine Elmountaj, Barbara Giorgis, Halina Hevko, Donato Linzalata, Gionata Orsini, Laurent Reynès, Achim Ripperger, Mattia Scappini, Joachim Silue.

"Ognuno degli artisti coinvolti - spiega Colangelo - ha scelto dai bozzetti di Capucci quello che gli era più consono. Io, considerato che il progetto era sull'immigrazione, ho scelto questi due bambini nascosti nella valigia per varcare il confine e sperare in un futuro migliore". 

L'inaugurazione ci sarà domenica 24 marzo, alle 10.30, nel piazzale della stazione di Modena - Porta Nord, alla presenza dei sindaci dei due Comuni, Fanano e Modena, dell'assessore alla cultura di Fanano, di Elia Sargenti, presidente associazione USSP Fanano e dell'ideatore del progetto, Andrea Capucci.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi