Ladre-truffatrici nascondono il bottino vicino alla casa di un carabiniere, recuperato il maltolto - Ancora in azione le false addette al controllo del bonus ristrutturazioni
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 06/03/2019

Ladre-truffatrici nascondono il bottino vicino alla casa di un carabiniere, recuperato il maltolto

Ancora in azione le false addette al controllo del bonus ristrutturazioni

(foto di repertorio)Le ladre stavolta hanno compiuto un passo falso. Hanno nascosto il bottino sotto casa di un carabiniere, che ha scoperto il maltolto, consentendone la restituzione alla vittima del furto.

È successo ieri a Vasto, dove continuano a impreversare le ladre-truffatrici che si fingono addette alla verifica dei requisiti del bonus ristrutturazioni. Due furti erano stati raccontati nei giorni scorsi da Zonalocale [LEGGI] [LEGGI]. 

Così ricostruisce l'accaduto il tenente Luca D'Ambrosio, comandante in sede vacante della Compagnia dei carabinieri di Vasto: "Alle ore 15 del 5 marzo 2019, due donne si sono introdotte nell’abitazione di un’anziana signora residente a Vasto, spacciandosi per due impiegate comunali. Mentre una delle due intratteneva la pensionata vastese in salotto, inventando l’esistenza di alcuni rimborsi connessi con delle recenti riforme legislative, l’altra s’intrufolava in camera da letto, sottraendole documenti, gioielli e contanti. La donna tuttavia, resasi conto dell’imbroglio, richiedeva l’ausilio dei carabinieri, mettendo in fuga le malviventi. I militari, giunti sul  posto e prestato soccorso alla signora, ancora in forte stato di agitazione, si mettevano sulle tracce delle  truffatrici.

Poco più tardi un militare, mentre era con la propria famiglia, libero dal servizio, si accorgeva di alcuni oggetti nascosti tra alcuni cespugli vicino la propria abitazione, permettendone il riconoscimento e la contestuale restituzione alla legittima proprietaria.

L’Arma, molto sensibile a l fenomeno delle truffe in danno di anziani, rinnova il proprio invito a chiamare il 112 in circostanze come questa, evitando così di trovarsi di fronte a veri professionisti del raggiro, capaci di inventare qualsiasi cosa pur di farsi aprire e portare via quanto di valore sia presente in casa . Il numero è gratuito e raggiungibile da qualsiasi telefono , anche privo di scheda sim. Fortunatamente, in questo caso, la prontezza della donna ha evitato che il reato potesse giungere a ben peggiori esiti". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi