Pd e San Salvo Democratica accusano: "Il Comune è senza soldi, ma non chiederemo il dissesto" - "Impossibilitati a svolgere nostro ruolo"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Politica 25/02/2019

Pd e San Salvo Democratica accusano: "Il Comune è senza soldi, ma non chiederemo il dissesto"

"Impossibilitati a svolgere nostro ruolo"

Marika Bolognese, Gennaro Luciano e Giovanni Mariotti"Non chiederemo il dissesto del Comune perché siamo responsabili, ma le casse dell'ente sono vuote". È l'accusa mossa stamattina dai consiglieri di opposizione del Partito Democratico e di San Salvo Democratica rispettivamente Gennaro Luciano, Giovanni Mariotti e Marika Bolognese. Il tema è quello dell'anticipazione di liquidità dalla "Cassa depositi e prestiti" per oltre 450mila euro votato giovedì scorso in consiglio comunale per pagare i debiti accertati al 31 dicembre 2018.

Gli stessi membri dell'assise civica che oggi hanno tenuto la conferenza stampa hanno disertato l'ultimo consiglio comunale per due motivi principali: documenti ritenuti insufficienti e convocazione urgente giudicata non non necessaria. 
"Il Comune non ha più una lira – ha esordito Luciano – perché questi soldi non servono per investimenti, ma per pagare debiti dell'anno scorso. Significa che per i cittadini di San Salvo ci sarà anche l'onere degli interessi dello 0,98%". 

Entrando nel dettaglio delle rimostranze dei consiglieri, la prima è l'insufficienza dei documenti ricevuti prima del consiglio comunale. "Ci hanno fatto pervenire solo la normativa di riferimento per l'anticipazione di liquidità – ha detto la Bolognese – e un elenco di debiti da saldare indecifrabile senza un accesso agli atti per il quale non avremmo comunque avuto tempo considerata la convocazione per il giorno dopo. Perché questa convocazione d'urgenza se il limite massimo per l'anticipazione era il 28 febbraio?". Il riferimento è anche al Comune di Vasto dove il consiglio comunale su questo argomento è stato convocato proprio per l'ultimo giorno del mese. 
"Noi i documenti li vogliamo studiare, ma li dobbiamo avere".
Per adesso, quindi, l'argomento resta sul livello della schermaglia politica senza eventuali comunicazioni a organi superiori. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi