Sequestrate l’auto fermata a colpi di pistola, al vaglio la posizione dei due agenti - Indaga la Procura della Repubblica di Larino
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Petacciato   Cronaca 08/02/2019

Sequestrate l’auto fermata a colpi di pistola, al vaglio la posizione dei due agenti

Indaga la Procura della Repubblica di Larino

I vetri del finestrino infranto in via Mediterraneo (foto primonumero.it)

AGGIORNAMENTO 9 FEBBRAIO - Per ora i due agenti non sono ufficialmente indagati e l'arma non è sotto sequestro a differenza di quanto trapelato in precedenza [LEGGI]. Nei prossimi giorni probabilmente scatterà la denuncia da parte delle due persone a bordo dell'Audi.

LA PRIMA NOTIZIA - In via Mediterraneo a Petacciato stamattina erano ancora visibili i rilievi fatti dai carabinieri e i frammenti del finestrino infranto dopo l'inseguimento e gli spari contro l'Audi ritenuta, erroneamente, quella usata nella rapina al centro commerciale Insieme [LEGGI].

Secondo la ricostruzione fornita agli inquirenti dai due ragazzi dell'auto ai carabinieri intervenuti successivamente, l'inseguimento sarebbe avvenuto in un tratto buio da parte di un'auto-civetta (una Fiat Punto) del commissariato di Vasto con due agenti in borghese a bordo. Senza mostrare paletta o lampeggiante, la Punto si è affiancata e dal finestrino del lato passeggero, invece, è spuntata una pistola.

Il 37enne alla guida ha così inserito la retromarcia pensando a una rapina. A quel punto sarebbero partiti i primi colpi diretti verso la parte inferiore dell'auto che hanno bucato uno pneumatico. Dopo qualche metro percorso in retromarcia la berlina si è fermata e dall'auto civetta sarebbe partito un ulteriore colpo che ha infranto il finestrino del lato passeggero mancando fortunatamente gli occupanti.

La vicenda è delicatissima, da carabinieri di Petacciato e di Termoli (intervenuti sul posto per i rilievi) e dal commissario vastese Fabio Capaldo non si hanno dichiarazioni in merito.
I due ragazzi alla guida dell'auto sono poi stati portati in ospedale in forte stato di shock. Dopo essere stati fermati sarebbero stati fatti sdraiare faccia a terra e uno dei due, il guidatore, sarebbe stato ammanettato durante la perquisizione come conferma a zonalocale.it anche il suo legale Alberto Di Vito che aggiunge "Stiamo valutando il da farsi, attendiamo i primi riscontri, l'autovettura è stata sequestrata così come l'arma da fuoco. È chiaro che le vittime di questo episodio andranno fino in fondo perché è stato abbastanza inquietante. Sono tutt'ora in stato di shock per essersi visti rivolti contro diversi colpi di pistola". 

A indagare sull'episodio è la Procura della Repubblica di Larino. Secondo la minuziosa ricostruzione dei fatti della testata giornalistica molisana primonumero.it presente sul posto subito dopo l'accaduto e che ha raccolto diverse testimonianze, i due agenti della polizia risulterebbero già indagati [LEGGI]; sconosciute per ora le ipotesi di reato.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi