Le travi non reggono più: crolla il tetto della chiesa di Sant’Antonio - Il 3 gennaio la chiusura: un sostegno aveva ceduto e altri due erano lesionati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 24/01/2019

Le travi non reggono più: crolla il tetto della chiesa di Sant’Antonio

Il 3 gennaio la chiusura: un sostegno aveva ceduto e altri due erano lesionati

Vasto, chiesa di Sant'Antonio di Padova: la porzione di tetto crollataCrolla il tetto della chiesa di Sant'Antonio a Vasto. Lo storico tempio di via Adriatica era chiuso dal 3 gennaio scorso. Quel giorno, i vigili del fuoco avevano eseguito un sopralluogo, riscontrando una trave spezzata e altre due lesionate. Una situazione preoccupante, che li aveva indotti a disporre la chiusura a causa del rischio che una porzione della copertura potesse precipitare [LEGGI]. 

Oggi pomeriggio il tonfo. Le travi hanno ceduto, trascinando a terra le tegole e aprendo un buco nella porzione ovest dello siovente, chiaramente visibile da via Adriatica, la caratteristica balconata panoramica che, dal costone orientale, si affaccia sul golfo.

Sul posto il vice sindaco, Giuseppe Forte, l'ingegner Luca Giammichele del settore Lavori pubblici e il parroco, don Gianfranco Travaglini. È giunta anche una pattuglia della polizia locale.

I vigili del fuoco del distaccamento di via Madonna dell'Asilo hanno eseguito un'ispezione del tetto. Al momento non si registrano criticità nel solaio ma, le precipitazioni di queste ore potrebbero aggravare la situazione.

A breve dovrebbe esserci un intervento per posizionare un telo di copertura sulla parte di tetto rimasta senza tegole. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi