Rapina a mano armata nel Punto Blu del casello di Vasto Nord - Posti di blocco della polizia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 14/01/2019

Rapina a mano armata nel Punto Blu del casello di Vasto Nord

Posti di blocco della polizia

Posti di blocco in tutto il territorio per la rapina a mano armata avvenuta poco prima delle 17 nel Punto Blu di Vasto Nord. Da quanto si apprende, due persone a volto coperto sarebbero entrate armate di pistola negli uffici facendosi consegnare il denaro (bottino al di sotto del migliaio di euro).

I malviventi hanno agito a bordo di una vecchia Fiat Uno bianca ritrovata poi in territorio di Pollutri. Qui molto probabilmente c'era un terzo complice in attesa a bordo di un altro veicolo. Polizia stradale e agenti del reparto Prevenzione crimine di Pescara stanno effettuando posti di blocco su Statale 16 e altre possibili vie di fuga.

IL COMMENTO DEL SINDACO - Su quanto accaduto è intervenuto anche il sindaco Francesco Menna: "Gli accadimenti registrati a Vasto, San Salvo e Lanciano in questi giorni mostrano un quadro che ci porta nuovamente ad intervenire per far capire l’importanza della Procura e del Tribunale a Vasto. Ben venga il rafforzamento delle forze dell’ordine a Vasto e San Salvo e della videosorveglianza attraverso il finanziamento del Ministero, ma è importante la collaborazione di tutti. I fenomeni che si stanno registrando – ha aggiunto il sindaco Menna – sono frutto anche della posizione di confine del nostro Comune. Mi appello nuovamente alle attuali forze politiche, che governano il Paese, affinché possano proseguire il lavoro iniziato da Legnini per la salvaguardia del Tribunale e della Procura".

D'ALESSANDRO E CAPPA: "PD SI ACCORGE DELLA CRMINALITA'. MEGLIO TARDI CHE MAI" - "Il sindaco invoca rinforzi da chi sta al Governo e sottolinea il lavoro iniziato dal Pd e dai suoi uomini. Il problema è che il Pd ha iniziato troppe cose senza portarne a termine alcuna. L'emodinamica, per quanto riguarda l'ospedale, è l'esempio più mortificante, di clamorosa presa in giro di Vasto e del Vastese. Certo, ora tocca alle forze di Governo intervenire, ma devono farlo sulle macerie lascite dal Pd e da chi lo rappresenta. Chi ha la credibilità a parlare di Tribunale, di sicurezza, di difesa dei cittadini è chi, dalla minoranza, lotta quotidianamente per una Vasto più sicura, libera da ogni forma di criminalità. Sapere oggi che anche il Pd è preoccupato, non ripetendo più la litania lapenniana che Vasto non è Beirut, un po' ci fa piacere. Meglio tardi che mai".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi