Granito Forte: 13 settimane di cassa integrazione e contratti non rinnovati agli interinali - Ieri l’incontro tra sindacati e azienda
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Granito Forte: 13 settimane di cassa integrazione e contratti non rinnovati agli interinali

Ieri l’incontro tra sindacati e azienda

Cassa integrazione per 13 settimane e poco più di 30 interinali ai quali non saranno rinnovati i contratti. Si fanno sentire i cali di ordini alla Granito Forte, azienda che produce piastrelle nella valle del Trigno impiegando circa 200 persone.

Nell'incontro di ieri con i sindacati è stato confermato quanto comunicato dalla società a inizio anno: per tredici settimane si fermeranno due delle sette linee produttive con i lavoratori che saranno tutelati con la cassa integrazione. Il 2019 per ora non ha fatto registrare inversioni di tendenza rispetto ai significativi cali di ordini e commesse che da tempo preoccupano i rappresentanti dei lavoratori.
Il problema principale, come emerso, riguarderebbe la qualità del prodotto finito. Emilio Di Cola (Filctem-Cgil) su tale aspetto sottolinea una nota positiva: "Per quanto riguarda il discorso della qualità, ci hanno confermato che un piccolo passo avanti nelle ultime produzioni c'è stato, bisogna quindi continuare su questa strada".

Sarà quindi la ricerca di un prodotto finito migliore la chiave del 2019 per un'azienda che solo qualche anno fa chiedeva le autorizzazioni per aumentare il numero delle linee produttive.

Altro problema che presto però verrà al pettine è quello che riguarderà i lavoratori precari, gli interinali. Sono oltre 30 e alla scadenza del contratto, tra fine gennaio e inizio febbraio, non vedranno rinnovarsi il rapporto di lavoro. 

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi