Furto senza segni di scasso alla Nuova Libreria una settimana dopo il 40° anniversario - Rubato l’incasso dello storico negozio di piazza Barbacani
 
Vasto   Cronaca 21/12/2018

Furto senza segni di scasso alla Nuova Libreria una settimana dopo il 40° anniversario

Rubato l’incasso dello storico negozio di piazza Barbacani

Germana Benedetti in una delle serate di Scrittori in piazzaNon ci sono segni di effrazione sulla porta, né sul registratore di cassa.

Erano ladri esperti, quelli che ieri si sono intrufolati nella Nuova Libreria, approfittando della calma piatta del primo pomeriggio nel centro storico di Vasto. 

I malviventi sono entrati in azione dopo la chiusura al termine della mattinata e prima della riapertura pomeridiana, approfittando di una giornata in cui le libraie, Germana Benedetti ed Emanuela Petroro, non erano tornate al lavoro nel primissimo pomeriggio, come invece accade spesso nel periodo natalizio nella storica libreria di piazza Barbacani.

"Sono entrati tra le 13,20, quando io me ne sono andata, e le 15,55, quando mia madre Germana è tornata ad aprire. Hanno aperto la porta senza forzarla - spiega Manuela a Zonalocale - usando probabilmente un passepartout. Sapevano anche come aprire il registratore di cassa, visto che anche qui non hanno lasciato alcun segno", dice indicando il cassetto dei soldi. "Hanno rubato 220 euro".

"Nei giorni precedenti - spiega Germana Benedetti - ero tornata in libreria molto presto: alle 14 ero già qui. Ieri no. Ed è stato meglio così, meglio non aver trovato i ladri. Però, in tempi così difficili per le librerie, un furto nel periodo natalizio è un serio problema. Negli anni scorsi, ho subito il furto di una borsa, ma non c'erano soldi". 

Indagano i carabinieri. Difficile risalire ai responsabili, visto che piazza Barbacani è sprovvista di telecamere e quelle della vicina piazza Diomede pare non abbiano immortalato i volti dei malviventi.

La Nuova Libreria ha festeggiato appena una settimana fa 40 anni di attività. Una vita dedicata non solo alla vendita dei libri, ma anche alla diffusione della cultura, soprattutto tramite l'immancabile appuntamento estivo con Scrittori in piazza, che ha visto alternarsi, davanti alla platea di piazza Barbacani, le migliori penne italiane.  

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi