Vasto, finti dipendenti comunali che riscuotono le bollette dell’acqua: è l’ennesima truffa - Ieri il tentativo ai danni di una coppia di anziani
CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 19/12/2018

Vasto, finti dipendenti comunali che riscuotono le bollette dell’acqua: è l’ennesima truffa

Ieri il tentativo ai danni di una coppia di anziani

Addetti del Comune di Vasto incaricati per la riscossione delle bollette dell'acqua non pagate: è l'ennesima truffa che una coppia sta cercando di portare a termine in queste ore. 

L'episodio che vi raccontiamo è accaduto ieri mattina in via Alcide De Gasperi. A spiegare come sono andati i fatti è il figlio dell'anziana coppia presa di mira dai due malintenzionati. "È successo verso le 10.30 – dice D.C.C. a zonalocale.it – Un uomo ben vestito, elegante, con gli occhiali, si è presentato a casa dei miei genitori spacciandosi per un dipendente comunale incaricato di riscuotere le bollette dell'acqua non pagate".

Dal racconto, quindi, emerge il primo indizio della truffa considerato che la società che gestisce il servizio idrico è la Sasi e non il Comune di Vasto. "Parlando – continua la testimonianza – il signore è entrato dentro dirigendosi verso il salotto facendo lasciare la porta d'ingresso aperta. Io in quel momento mi trovavo in un'altra stanza dalla quale ho visto che nel frattempo era spuntata una donna che molto probabilmente sarebbe dovuta entrare per rovistare nelle stanze da letto".

"A quel punto – prosegue – sono entrato in salotto chiedendo cosa stava accadendo. L'uomo mi ha ripetuto di essere passato per le bollette dell'acqua arretrate mostrando un tesserino e dicendo che tutto si sarebbe potuto sistemare con 150 euro. Gli ho chiesto i documenti e di fronte alla sua ritrosia ho detto che avrei chiamato i carabinieri. Sono così andato in stanza a prendere il telefono e in quei pochi istanti la coppia si è volatilizzata".

"Non mi è rimasto quindi che redarguire nuovamente i miei genitori dicendo loro di non aprire a nessun sconosciuto – conclude – Ho voluto raccontarvi questo episodio per invitare nuovamente le persone a prestare la massima attenzione e ad assicurarsi dallo spioncino o dal videocitofono prima di aprire la porta in questo periodo dell'anno soprattutto, i truffatori sanno che ci sono più soldi in giro".

In ogni caso, c'è da ricordare che nessun ente/società erogatore di servizi riscuote gli importi delle bollette con modalità "porta a porta".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi