Operazione "Evelin", revocata la custodia cautelare in carcere per uno degli indagati - Tribunale del riesame ha accolto la richiesta degli avvocati Sciascio e Berarducci
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 17/12/2018

Operazione "Evelin", revocata la custodia cautelare in carcere per uno degli indagati

Tribunale del riesame ha accolto la richiesta degli avvocati Sciascio e Berarducci

San Salvo, 30 novembre 2018: blitz nell'ambito dell'operazione EvelinRevocata la custodia cautelare e Elvin Tafili, uno degli indagati nell'ambito dell'operazione Evelin, con cui, nel blitz del 30 novembre, carabinieri e finanzieri, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia dell'Aquila, ritengono di aver sgominato un traffico di droga proveniente dall'Albania e dai Paesi Bassi.

Oggi si è svolta l'udienza davanti al Tribunale del riesame dell'Aquila, che ha valutato le richieste di remissione in libertà presentate dagli avvocati di alcuni degli indagati. La corte, composta dalla presidente, Alessandra Ilari, e dai giudici Christian Corbi e Stefano Iannaccone, ha accolto l'istanza presentata dagli avvocati Marco Sciascio e Marisa Berarducci, annullando di conseguenza l'ordinanza con cui il gip del Tribunale dell'Aquila aveva disposto la custodia cautelare in carcere.

"La nostra difesa - spiega l'avvocato Sciascio - si basa sulla mancanza di attualità dei fatti contestati. Il nostro assistito era già in custodia cautelare per altri fatti precedenti a questa inchiesta, in cui viene contestata agli indagati l'associazione armata finalizzata al narcotraffico. Già in sede di convalida, Elvin Tafili aveva negato di far parte dell'ipotizzata associazione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi