Nas e Asl al centro d’accoglienza di San Buono: carenze, sindaco chiamato a prendere provvedimenti - La visita nella giornata di ieri
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Buono   Attualità 13/12/2018

Nas e Asl al centro d’accoglienza di San Buono: carenze, sindaco chiamato a prendere provvedimenti

La visita nella giornata di ieri

Il convento di San BuonoGrande dispiegamento di forze dell'ordine ieri al Centro d'Accoglienza Straordinario di San Buono. I carabinieri della Compagnia di Vasto insieme ai colleghi del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (Nas) e del comando per la Tutela del Patrimonio Culturale e al personale della Asl hanno fatto visita all'ex convento che attualmente ospita il Cas.

Il centro è gestito dalla cooperativa Versoprobo di Vercelli, subentrata a Matrix dal primo dicembre scorso.

Militari e personale sanitario hanno visitato i locali della struttura – dove attualmente si trovano 56 utenti – riscontrando alcune irregolarità elencate nel verbale redatto e consegnato al sindaco Nicola Filippone (quale massima autorità sanitaria locale) chiamata a prendere provvedimenti in merito.

"Le forze dell'ordine e la Asl – dice Filippone a zonalocale.it – sono rimaste in Comune fino a sera inoltrata per redigere i vari verbali trasmessi anche al gestore. Sono state rilevate alcune irregolarità di carattere igienico-sanitario e di sovraffollamento. Insieme ai nostri tecnici e alla polizia municipale studieremo la situazione e prenderemo provvedimenti".

È presto per parlare di quali saranno i provvedimenti; sicuramente la cooperativa sarà chiamata a correggere le irregolarità. 

La vicenda ha però anche una sfaccettatura istituzionale: il sindaco è chiamato a prendere i provvedimenti del caso, ma in materia la competenza è della prefettura. L'ambiguità era già emersa quasi un anno fa poco prima dell'apertura. Filippone e Soprintendenza comunicarono al prefetto la propria contrarietà riguardo il luogo scelto [LEGGI] e sottolineando la presenza di altre strutture adeguate sempre a San Buono, ma quella andò dritto ugualmente. 

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi