Pilkington, fermata natalizia lunga: un mese di stop. Lavoratori preoccupati - Del Piano: "Non basta un anno di Cig, servono grandi volumi produttivi"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 03/12/2018

Pilkington, fermata natalizia lunga: un mese di stop. Lavoratori preoccupati

Del Piano: "Non basta un anno di Cig, servono grandi volumi produttivi"

Sarà lunga la sosta natalizia alla Pilkington di San Salvo.

Lo stop, che andrà dalle tre alle quattro settimane a seconda degli impianti, torna a far serpeggiare la preoccupazione tra i circa 1800 lavoratori dello stabilimento di Piane Sant'Angelo, il più grande del Vastese. Mercato asfittico e concorrenza internazionale agguerrita nel settore del vetro per auto. 

"Si tratta di fermate scaglionate, per un periodo compreso tra 20 giorni e un mese", spiega Mauro Del Piano, della Rsu Filctem Cgil. "E' vero che il riconoscimento della cassa integrazione straordinaria per un anno ci dà un po' di respiro", afferma Del Piano che, nel ruolo politico di presidente del Consiglio comunale di Vasto, ha chiesto un incontro tra la delegazione Pilkington il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti.

"Ma il problema così viene rimandato solo di un anno. Andrebbe riconosciuto il lavoro usurante, che consentirebbe un turnover con la conseguente riduzione del numero degli esuberi. Inoltre - afferma Del Piano - non basta acquisire solo produzioni importanti, come quelle per Ferrari e Maserati, ma serve anche la quantità. Abbiamo bisogno di volumi che ci consentano di produrre centinaia di migliaia di pezzi, in modo da saturare gli impianti e ridurre sensibilimente gli esuberi".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi