Pd, derby tra sindaci: Menna con Minniti, Pupillo con Zingaretti. Abruzzo, giallo su doppie firme - Le scelta. Verso il congresso: alcuni primi cittadini hanno firmato per entrambi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 22/11/2018

Pd, derby tra sindaci: Menna con Minniti, Pupillo con Zingaretti. Abruzzo, giallo su doppie firme

Le scelta. Verso il congresso: alcuni primi cittadini hanno firmato per entrambi

Da sinistra Marco Minniti e Nicola Zingaretti (foto tratta da panorama.it. In home page, foto tratta da google news)Anche in Abruzzo è derby tra sindaci dem. Tra chi sostiene Minniti e chi Zingaretti nella corsa a diventare leader nazionale del Partito democratico. E intanto spunta il giallo delle doppie firme: amministratori comunali che hanno messo nero su bianco il loro impegno sia per l'ex ministro dell'Interno che per il presidente della Regione Lazio, i due aspiranti più accredidati. Ma ora c'è anche il terzo incomodo: Maurizio Martina, il segretario uscente che si ricandida.

Mario Pupillo, sindaco di Lanciano, appoggia Nicola Zingaretti. Sul fronte opposto, il primo cittadino di Vasto, Francesco Menna, che conferma il suo sostegno a Marco Minniti: "Ho firmato per lui perché, da ministro dell'Interno, si è impegnato fattivamente sulla questione sicurezza, ha arginato l'immigrazione e ha ottenuto positivi risultati anche nelle politiche sociali, tre problematiche fondamentali che i Comuni si trovano ad affrontare". 

Ma spuntano i casi di doppia firma: tre sindaci abruzzesi hanno sottoscritto sia per Zingaretti che per Minniti. E' il caso di Carlo Moro, Giuseppe Masciulli e Marcello Salerno, rispettivamente primi cittadini di Lentella, Palmoli e Ari. 

Anche in Abruzzo la partita rimane aperta. Ma gli equilibri possono spostarsi in base alla scelta di Giovanni Legnini. L'ex vice presidente del Consiglio superiore della magistratura è ora il papabile candidato alla presidenza della Regione Abruzzo. I dem lo danno vicino a Zingaretti. Scelta che, tra rappresentanti locali e regionali del Pd abruzzese, può causare più di qualche ripensamento, facendo pendere in Abruzzo l'ago bilancia a favore del governatore laziale. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi