Emodinamica, la delibera regionale esclude Vasto. Sarà a Chieti,Pescara, Teramo, L’Aquila e Avezzano - Il Vastese è il più lontano da una struttura attrezzata
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/11/2018

Emodinamica, la delibera regionale esclude Vasto. Sarà a Chieti,Pescara, Teramo, L’Aquila e Avezzano

Il Vastese è il più lontano da una struttura attrezzata

La mappa che mostra le distanze da emodinamica e UticAddio sogni di gloria. Era l'atto più atteso per trasformare in realtà anni di annunci e tira e molla e, invece, nero su bianco la Regione ha scritto – nuovamente, visto che le speranze erano riposte nell'integrazione al precedente documento – che l'emodinamica al "San Pio da Pietrelcina" non ci sarà.

LA DELIBERA - È quanto si legge nel testo integrativo per il riordino della rete ospedaliera allegato alle recente delibera regionale n. 824. "La Regione Abruzzo – si legge a pagina 60 – programma il nuovo assetto della rete cardiologica con centri Hub con emodinamica localizzati a Chieti, Pescara, Teramo e L'Aquila e con un servizio distaccato ad Avezzano. Centri Spoke con Cardiologia e Utic (Unità di Terapia Intensiva Cardiologica) a Sulmona, Lanciano, Vasto e Giulianova".
Le sale emodinamiche (nelle strutture pubbliche) passano quindi da 2 a 5, ma con un grande vuoto lasciato nel sud della regione. La riorganizzazione sanitaria ha infatti un po' rialzato la linea Gustav con la prima struttura idonea a Chieti, il "SS. Annunziata"; a una manciata di chilometri c'è poi il "Santo Spirito" di Pescara.

Eppure la Regione è ben consapevole che della differenza di chilometraggio e tempi di percorrenza dei nostri comuni. È infatti la cartina allegata al documento (qui rielaborata mantenendo inalterati i dati su km e tempi di percorrenza) a rendere immediatamente l'idea: le località dell'Alto Vastese sono le più lontane da una sala emodinamica. Il caso limite è rappresentato da Castiglione Messer Marino (103 chilometri), da qui il tempo stimato per arrivare nel capoluogo di provincia è di 1 ora e 37 minuti, ovviamente senza considerare le strade interrotte da frane, quelle ridotte a mulattiere o i muri di neve dell'inverno altrimenti si supererebbero le due ore (la distanza con i centri molisani attrezzati si diffenzia di poco). Castiglione è solo un esempio, basti pensare a Schiavi d'Abruzzo, Torrebruna, Carunchio, Montazzoli ecc.: tempo prezioso quando si deve intervenire su un infarto [LEGGI].
Le altre emodinamiche si trovano al "San Salvatore" dell'Aquila, al "Mazzini" di Teramo e al "SS. Filippo e Nicola" di Avezzano.

I NUMERI - Il nodo che alla fine ha prevalso è stato quello ben noto del bacino d'utenza: impossibile per il Vastese raggiungere le 300mila unità previste. Un ostacolo che l'assessore alla Sanità Silvio Paolucci e il sindaco di Vasto, Francesco Menna, cercarono di superare con il jolly, l'annuncio a sorpresa del febbraio 2018 insieme al direttore Asl Flacco e al direttore del dipartimento Salute Muraglia, a un mese dal voto: "Intesa con il Molise per raggiungere i criteri ministeriali e portare a Vasto un servizio utile a entrambe le popolazioni, ringraziamo il presidente Frattura che ha creduto nel progetto" [LEGGI].

Un mese dopo, il governatore uscente molisano del centrosinistra, Frattura, sempre a Vasto, ridimensionava quell'affermazione che sapeva di patto già sottoscritto: "L'accordo di confine per noi è alla valutazione con i soggetti protagonisti della sanità molisana, poi passerà al tavolo tecnico" [L'INTERVISTA]. A maggio alla guida del Molise è subentrato Toma (Forza Italia) e di quell'intesa non s'è saputo più nulla fino alla delibera regionale: a Vasto l'emodinamica non è prevista nel riordino con buona pace di comitati e commissioni speciali.

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi